Archive for December, 2005

Pierangelini, l’arte di vivere e il Sassicaia.

Monday, December 26th, 2005

Il giorno di Natale 2005 è appena passato, e visto che questi possono anche essere momenti propizi alla quiete domestica e alla riflessione, ci piace inaugurare proprio oggi la categoria tematica delle "letture".
Lo facciamo con un libro pubblicato di recente per la "Collana i cuochi si raccontano" del Gambero Rosso: "Fulvio Pierangelini – Il grande solista della cucina italiana".
Scritto da Raffaella Prandi – inviata del mensile Gambero Rosso – e con un inserto di immagini fotografiche in bianco e nero di Marco Delogu, è un libro che consigliamo vivamente di leggere
a chi crede che le grandi carriere professionali si possano costruire con l’amore, la passione, la fantasia, le emozioni e perchè no? con indipendenza e libertà!
Ne consigliamo la lettura perchè chi pensa che le cose stiano così – anche perchè in fondo una professione e la vita di chi la esercita sono due universi inscindibili – leggendolo ne avrà la riprova: con estrema abilità narrativa ed evocativa, agile ma non superficiale, Raffaella Prandi ci sa trasmettere di Pierangelini – considerato da anni dalla critica internazionale uno dei migliori cuochi del mondo, il suo locale "Gambero Rosso" anche quest’anno premiato dalle guide come il primo in Italia – ci sa dare di quest’uomo la sua filosofia nella vita e in cucina, il suo particolarissimo rapporto con la materia prima e con l’essenza della gastronomia, il suo personale approccio all’"Olimpo dei gourmet".
E visto che l’alta cucina e i grandi vini sono spesso le note di una stessa ricerca melodica,…

  (more…)

Vinoinrete propone il seminario “Conosciamo il vino”

Wednesday, December 14th, 2005

L’Associazione Vinoinrete di Roma propone il seminario “Conosciamo il vino”, per la diffusione di sane e antiche tradizioni, rivalutando l’amore per la terra, sottolineando il lavoro di produttori e operatori del settore turistico ed enogastronomico.

Un ciclo di 6 incontri a cadenza settimanale, in un’atmosfera conviviale, in compagnia di etichette che consentiranno di vivere un approccio leggero ma convincente all’universo del vino:

Viticoltura ed enologia (16 gennaio 2006)
Degustazione (23 gennaio 2006)
il Sommelier (30 gennaio 2006)
Legislazione ed enografia (6 febbraio 2006)
Spumanti e vini speciali (13 febbraio 2006)
Tecnica di abbinamento (27 febbraio 2006)

L’Associazione Vinoinrete si propone come obbiettivo primario quello di promuovere la conoscenza della cultura del vino e del bere bene.
Il seminario sarà organizzato e condotto da Sommelier diplomati e da consulenti qualificati dell’Associazione Vinoinrete; si svolgerà nel periodo gennaio-febbraio 2006 nei locali dello Studio d’arte KeMir di Roma.

Informazioni: Vinoinrete, vinoinrete@vinoinrete.it, fax +39 0652246346.

Dulcenda – 9 e 10 dicembre 2005

Tuesday, December 6th, 2005

Il vinattiere ti versava un poco
d’Inferno. E tu, atterrita: "Devo berlo? Non basta
esserci stati dentro a fuoco lento?".

"E il Paradiso? Esiste un Paradiso?".
"Credo di sì, signora, ma i vini dolci
non li vuol più nessuno".

                                 Eugenio Montale Satura

Certamente non è vero che nessuno voglia più i vini dolci, tutt’altro! Ma abbiamo comunque voluto scegliere queste righe di Montale per presentare Dulcenda, evento interamente dedicato al bere dolce e al vino da meditazione prodotto dai viticoltori della Valle dei Laghi in Trentino, un luogo che è un piccolo gioiello incastonato fra Trento, le Dolomiti di Brenta e il Garda Trentino.

"I vignaioli delle vallate che circondano Castel Toblino vinificano da sempre con massima semplicità. rispettando usi e costumi, aperti e disponibili ad ogni confronto enologico mirato alla valorizzazione dei vini da uve passite. Senza retorica, senza timore. Convinti di operare per il bene del vino. [...] Dulcenda è l’appuntamento biennale per capire e far capire quanto il vino da meditazione sia importante per la qualità della vita."

Il programma di Dulcenda >

Al Vò inaugura il gruppo dei Partner ristoranti di Wine Blog

Monday, December 5th, 2005

Wine Blog è un progetto aperto a chi desidera contribuire con le proprie competenze e la propria passione: tra le tipologie di partner sono previsti Produttori, Enoteche, Ristoranti, e quanti altri fanno della Cultura del Vino un tema quotidiano del proprio lavoro e dei propri interessi.

Apriamo il gruppo dei Partner ristoranti con la presentazione del Ristorante al Vò di Trento, scambiando due chiacchere con Francesco Antoniolli, nome noto della ristorazione di Trento non solo per la sua attività ma anche per il suo impegno nella promozione turistica come presidente prima e vicepresidente, oggi, del Consorzio Trento Iniziative, che rapprenta la maggior parte delle aziende commerciali di Trento.

D: Francesco,  pensi che la ristorazione di qualità possa contribuire alla conoscenza del territorio?
R: Io sono convinto che il ristoratore è e deve essere il primo ambasciatore del suo territorio. Quello che tu proponi sarà ricordato dai nostri ospiti solo se le nostre proposte avranno dietro una storia, che va raccontata, unica e diversa da qualsiasi altra. Una storia, che pur modificata per il tempo che stiamo vivendo, è lo specchio di quello che ci circonda. Inoltre è importante proporre e raccontare il proprio territorio, per fare rete ed evitare che vadano perse le piccole produzioni o i prodotti di nicchia.

D: Quanto, nel recente interesse per l’enogastronomia, pensi che sia moda, e quanto pensi sia reale riscoperta dei valori della tradizione culinaria e della qualità?
R: Non credo che l’interesse relativamente recente per l’enogastronomia legata alla tradizione (le Osterie tipiche) sia solo una questione di moda e perciò passeggera. Oramai la seconda motivazione per la scelta di una meta turistica a livello mondiale è, dopo la cultura, l’enogastronomia, e al giorno d’oggi in un mondo ormai globalizzato in qualsiasi campo, basti pensare al web, ognuno di noi ricerca dei valori unici, di qualità e con una storia dietro altrettanto unica. Storia che vuole conoscere, assaggiare e ricordare, portandola poi con se nella propria vita quotidiana. Certo tutto questo è una nostra grossa responsabilità, perchè al giorno d’oggi la gente sa già cosa aspettarsi ed è molto critica su tutto ciò che le viene proposto. Noi dobbiamo perciò puntare sempre di più sulla qualità di tutta la nostra proposta: dall’accoglienza, ai prodotti, all’ambiente dove far vivere all’ospite un momento da ricordare.

Leggi la presentazione del Ristorante al Vò >

La stampa parla di Wine Blog

Thursday, December 1st, 2005

Martedì 29 novembre il quotidiano l’Adige ha pubblicato una breve presentazione di Wine Blog: ci fa piacere che la stampa quotidiana dedichi attenzione a questo progetto sul mondo del vino e volentieri ripubblichiamo.

Leggi l’articolo >