Archive for the ‘autoctoni’ Category

CONCORSO VINI ROSSI DOC COLLI EUGANEI
Lunedì 25 ottobre la premiazione alle Osterie Moderne di Campodarsergo

Friday, October 22nd, 2010

colli euganei
Sono 28 i vitivinicoltori dei Colli Euganei che hanno superato le fasi preconclusive della severa selezione lanciata dal Consorzio Vini Doc Colli Euganei per la diciassettesima edizione del concorso enologico riservato ai vini rossi a denominazione di origine controllata prodotti in quest’area della provincia padovana.

Territorio noto ormai ad un pubblico sempre più numeroso e internazionale, anzitutto per la produzione del famoso moscato Fior d’Arancio, a breve DOCG con tutti i crismi dell’ufficialità, e del bianco Serprino, vino frizzante sempre più protagonista del nuovo bere leggero di quanti amano le bollicine che non parlano francese.
Tornando al concorso d’autunno edizione 2010, dedicato interamente ai rossi, che nella serata di gala del 25 ottobre nelle sale delle Osterie Moderne di Sant’Andrea di Campodarsego, assegnerà i titoli di migliori fra i migliori, più di una le aziende giunte con le loro bottiglie ai tavoli della commissione nominata dal Consorzio precedute da blasonati riconoscimenti anche internazionali. Non solo, come succede da qualche anno a questa parte, spiccano anche interessanti novità di vignaioli usciti dall’ombra dell’apprendistato per mettersi in gioco a tutto campo. O meglio, a tutta vigna con i loro Cabernet, Merlot, i tagli bordolesi più raffinati o qualcuno più ruvido ma verace e non meno ricco di espressività di un territorio dove la vitivinicoltura ha deciso che è ora e tempo che i suoi vini vengano celebrati per quel che meritano.
A partire dal loro stesso giudizio e da quello del Consorzio cui fanno riferimento; guidato dal 46enne Antonio Dal Santo: uomo di poche parole, produttore egli stesso, ma convinto assertore che non è difficile superare gli altri, diverso quando si tratta di farlo con se stessi.

Appuntamento dunque a lunedì 25 ottobre alle Osterie Moderne di Campodarsego per la cena di gala e la premiazione dei migliori rossi della Doc Colli Euganei. Alle 19.30 il presidente Antonio Dal Santo incontrerà la stampa per comunicare i nomi dei vincitori e presentare le future iniziative del Consorzio.

Per maggiori informazioni:
Consorzio Vini Doc Colli Euganei

Via E. Fermi 1, 35036 Montegrotto Terme (PD)
T. 049.5212107, 049.795586, F. 049.9930100
vinidoc@termeeuganee.it
enoteca.vinidoc@libero.it

AUTENTICO: SCHIOPPETTINO DI PREPOTTO! 16 – 17 ottobre 2010

Friday, October 15th, 2010

cartolin-2010-09-15-4_page_1Autentico: Schioppettino di Prepotto! è l’evento promosso dall’Associazione Produttori Schioppettino di Prepotto e che si terrà sabato 16 ottobre nella piazza di Prepotto e domenica 17 nel vicino castello di Albana (UD). Nel corso della manifestazione si presenterà la prima annata del vino proposto al mercato con la denominazione di sottozona “Schioppettino di Prepotto”.

L’iniziativa ha anche l’obiettivo di accompagnare ed affiancare alla degustazione una riflessione sui valori che i prodotti del territorio esprimono.

Il lancio sul mercato dello Schioppettino di Prepotto è infatti divenuto lo spunto per avviare un’indagine sul tema dell’autenticità e delle sue relazioni con i concetti di unicità e di esperienza.

Scarica il programma della manifestazione.

LA GRANDE FINALE PUBBLICA
DI VINIBUONI D’ITALIA
Benevento, 28 – 30 luglio

Monday, July 19th, 2010

image003

Ispirata alla tradizione enologica italiana e volta a valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità, la guida Vinibuoni d’Italia pubblicata da Touring Editore giunge alla sua ottava edizione, dando un segnale preciso ai consumatori e al mercato (italiano ed estero), che apprezza sempre di più i livelli qualitativi ed il rapporto qualità prezzo che i vini da vitigni autoctoni esprimono.

Alla base del successo della guida l’accurata selezione dei vini, ma soprattutto l’aver focalizzato le degustazioni esclusivamente sui vini da vitigni autoctoni della Penisola, ovvero su quei vini che rappresentano il vero made in Italy del patrimonio enologico nazionale e che hanno un più forte legame con il territorio di origine.

La guida è unica, nel panorama italiano, per molti aspetti: è la sola dedicata agli autoctoni, cioè a vini prodotti al 100% da vitigni con una storia di oltre 300 anni, e si basa su un processo di selezione eccezionale per impegno e per trasparenza, visto che l’attribuzione dei massimi riconoscimenti, la Corona e la Golden Star, da anni sono effettuate pubblicamente.

Infatti per la selezione finale che porterà all’assegnazione di questi prestigiosi riconoscimenti verranno organizzati  straordinari momenti di partecipazione dei produttori vinicoli, dei media e degli amanti del vino.

Gli eventi avranno il loro momento clou  a Benevento con una manifestazione nazionale.

Fatto unico nel mondo delle guide è che la grande kermesse finale sarà pubblica e chiunque potrà seguire il corretto svolgimento del lavoro della giuria composta dai due curatori, Mario Busso e Luigi Cremona, e dai 25 coordinatori regionali di territorio.

Considerato che in totale – a livello nazionale – concorreranno circa 500 vini consacrati al top dell’eccellenza italiana, essendo frutto delle selezioni operate su circa 20 mila vini degustati, la finale è uno straordinario evento di portata nazionale.

Il grande botto sarà dunque a Benevento, da mercoledì 28 luglio a venerdì 30 luglio, presso il Grand Hotel Villa Traiano per selezionare le aziende che otterranno la Corona e la Golden Star.

Gli attori pubblici che rendono possibile questa straordinaria manifestazione sono la Camera di Commercio di Benevento e la Provincia di Benevento, la Regione Campania con il Patrocinio del Comune di Sant’Agata dei Goti ma soprattutto di Guardia Sanframondi, caratteristica cittadina antica con vista imprendibile su un mare di vigneti, dove si terrà l’evento conclusivo in cui saranno presenti le massime autorità delle Istituzioni patrocinanti.

La scelta di Benevento per la grande finale non è casuale. La Provincia di Benevento  costituisce da sola circa il 40 % del totale della produzione regionale certificata.

Circa 12.000 gli ettari vitati, quasi 8000 aziende viticole, più di 60 aziende imbottigliatrici per oltre 1.000.000 ettolitri di vino prodotti ogni anno, 6 denominazioni di origine e 2 indicazioni geografiche per più di 60 tipologie di vini…

Sono questi i numeri che contraddistinguono il Beneventano e che gli assegnano la leadership nel comparto vitivinicolo della Campania.

Una tradizione vitivinicola antica e radicata, poichè oltre all’Ager Falernum, era proprio questa la zona prediletta dai Romani quando desideravano bere e commerciare del buon vino.

Inoltre, sulle strade del vino, insieme alle eccellenze enoiche si trovano anche le sorprese di una gastronomia dettata dalla ricchezza delle risorse dell’area.

Nel corso della stessa settimana dell’evento, i migliori ristoranti del beneventano proporranno un “Menu Vinibuoni d’Italia” ovvero ideeranno una serie di piatti a forte contenuto di ingredienti eccellenti prodotti in zona, abbinati alle etichette di vino autoctone e offerti ad un prezzo particolare. Tutti i giornalisti, sia i curatori della guida, sia ospiti, avranno l’opportunità di degustare ogni sera queste proposte in alcuni dei ristoranti del circuito.

A Guardia Sanframondi la giornata di venerdì 30 luglio sarà una giornata da ricordare: tutti i giornalisti visiteranno i vigneti e la cantina della Guardiense, con i suoi oltre mille soci, la più grande cantina sociale della Campania e una delle più grandi d’Italia mentre nel tardo pomeriggio sia la stampa sia gli appassionati potranno spostarsi sulla spettacolare Terrazza del Castello di Guardia, dove verranno allestiti numerosi banchi degustazione sia con le migliori aziende dell’enoagroalimentare – vini e prodotti tipici del paniere della provincia di Benevento – sia con le etichette di tutta Italia valutate finaliste in guida.

Un’occasione unica per tutti gli appassionati e operatori interessati per poter assaggiare e conoscere i migliori vini autoctoni d’Italia, posti in degustazione libera.

Evento nell’evento – verrà organizzato uno showcooking a cura dei migliori chef del territorio selezionati da Luigi Cremona, curatore da molti anni oltre che della guida Vinibuoni anche della Guida Alberghi e Ristoranti di Touring Editore.

TRENTINO WINE
Lunedì 29 marzo a Palermo

Sunday, March 28th, 2010

trentinowineDegustazioni, seminari ed incontri. Il capoluogo siciliano ospita e fa conoscere la terra del Trentino attraverso i suoi vini, le sue grappe e i suoi produttori. Il “Trentino Wine” fa tappa a Palermo, un appuntamento con il gusto e i sapori di questa Provincia del nord Italia, che si svolgerà il prossimo lunedì 29 marzo, dalle 17 alle 23, nei locali dell’Hotel Villa Igiea Hilton (Salita Belmonte 43) e che sarà anticipato, esclusivamente per i giornalisti invitati, da un aperitivo di presentazione che verrà offerto alle 12.

Un’occasione per far conoscere agli esperti, agli appassionati e ai semplici curiosi, una selezione di 51 vini e 10 Trentino Grappa d’eccellenza, nel corso di degustazioni e wine tasting che si svolgeranno nella Sala Belle Epoque dell’albergo e a cui prenderanno parte i produttori di 30 cantine e 10 distillerie della zona. Contestualmente, nella vicina Sala Basile, troveranno spazio gli approfondimenti monotematici di tre diversi seminari-degustazione, in cui winemaker e giornalisti aiuteranno il pubblico ad orientarsi in questo territorio di montagna. Si comincerà alle 18 con “Le età del Trentodoc” – Laboratorio del Gusto Slow Food; alle 20 l’Associazione Italiana Sommelier presenterà Müller Thurgau, Marzemino e Teroldego rotaliano, tre autoctoni del Trentino; ed infine, alle 21.30, si discuterà della Trentino Grappa con gli esperti dell’Anag (Associazione Nazionale Assaggiatori Grappa ed Acqueviti).

I vigneti trentini si estendono su una superficie di 10.000 ettari, con un’altitudine che varia dai 200 agli 800 m s.l.m. Oltre il 70% dei vini prodotti nella regione sono Doc e un cenno particolare va al Trentodoc metodo classico, un vero e proprio vanto della produzione che rappresenta più del 35% di quella nazionale. Per le bollicine di montagna, infatti, si è appena chiuso un 2009 esaltante: ben due etichette si sono aggiudicate il titolo di miglior spumante d’Italia sulle più prestigiose guide di vini nazionali, sono nate sei nuove etichette e il novero dei produttori si è arricchito con l’ingresso di una nuova casa spumantistica.
I laboratori di degustazione sono su prenotazione, fino ad esaurimento posti.

VINI AUTOCTONI
VII Rassegna Monotematica

Monday, February 1st, 2010

vini autoctoniQuattro giorni dedicati ai vini che raccontano la storia del territorio. Questo il programma della 7ª edizione della Rassegna Monotematica “Vini Autoctoni” al via al Palaingresso Fiera a Godega Sant’Urbano (TV)dall’11 al 14 febbraio. La manifestazione, ha come obiettivo la promozione dei vini ottenuti dalla coltivazione dei vitigni peculiari della zona veneto-friulana.La rassegna si propone con un programma in quattro serate basato su uno stretto legame tra enologia e gastronomia, grazie alla proficua collaborazione con Slow Food del Triveneto che offrirà all’assaggio piatti e presidi tipici della zona. Degustazioni e assaggi per deliziare palato e mente ma, come sempre, grande attenzione al bere consapevole, con un impegno che torna anche per quest’edizione alla sensibilizzazione verso un consumo moderato di alcol per salvaguardare la propria e l’altrui incolumità. Un aspetto non secondario della manifestazione che quest’anno presenta una grande novità: l’alcotest solidale:  ogni degustazione costerà un euro con lo slogan “0.50: ferma l’alcol fai partire dal solidarietà”. Il motto gioca sul numero 0,50 che, da un lato indica il limite di alcol consentito per legge per chi si mette alla guida e dall’altro è pari alla metà della somma richiesta per ogni test, che è appunto di 0,50 centesimi. Somma che sarà devoluta all’Associazione Lotta contro i tumori Renzo e Pia Fiorot

Gemellaggio con il Friuli
Giovedì 11 febbraio ore 20.00

Come da tradizione, ad aprire la rassegna è l’appuntamento con il Gemellaggio con una regione italiana. Quest’anno il protagonista della serata inaugurale al Palaingresso sarà il Friuli Venezia Giulia, al centro di un laboratorio di degustazione di vini proposti in abbinamento a prodotti tipici friulani. La serata, curata dalla delegazione di Treviso della Fisar, sarà condotta da Massimiliano Loca e Paolo Ianna. L’appuntamento sarà coordinato da Renato Grando di Slow Food  per accompagnare i partecipanti oltre che nelle degustazioni, nella scoperta dei segreti che rendono perfetta l’unione tra un vino e un determinato prodotto gastronomico.

A cena con gli Autoctoni
Venerdì 12 febbraio ore 20.00

Una cena con un menù chilometrato. Non è una bizzarria ma la filosofia con cui gli chef e gli organizzatori hanno ideato la serata enogastronomica con prodotti locali e stagionali dei presidi Slow Food e i vini autoctoni del Veneto e del Friuli. Una cena in cui si potranno assaggiare il radicchio nostrano, le patate di Bibano o l’ossocollo dei produttori locali e quindi a km 0, oppure la casatella trevigiana a 30 km. Tutti cibi rigorosamente prodotti nel perimetro della provincia trevigiana. Unica deroga al chilometraggio, è stata concessa ad un “Frico con funghi” di evidente provenienza friulana, quale omaggio alla regione protagonista del Gemellaggio. La serata, che si svolgerà al Ristorante Primavera in collaborazione con la Fisar, sarà condotta da Paolo Ianna che spiegherà piatti e vini autoctoni proposti in degustazione e il perché del loro abbinamento.

Il convegno
Sabato 13 febbraio ore 10.00

La rassegna Vini Autoctoni è da sempre anche un importante momento di informazione e riflessione con un convegno che, ogni anno, affronta alcune delle tematiche legate al settore enologico. Quest’anno il simposio, al quale è prevista la presenza del Ministro alle Politiche Agricole Luca Zaia, si presenta con un tris di argomenti che non mancheranno di suscitare grande interesse, portando l’attenzione su questioni di estrema attualità. Si comincerà parlando delle regole introdotte dalla nuova OCM – Organizzazione Comune di Mercato e delle ricadute per i produttori. Un argomento di estremo interesse che sarà affrontato da Michele Zanardo, Vicepresidente del Comitato Nazionale Vini del Ministero delle Politiche Agricole. Vasco Boatto, Professore ordinario di Economia Agraria all’Università di Padova interverrà su “Vini rossi veneti e vini autoctoni: come affrontare la crisi”. Si parlerà anche di nuovi vini autoctoni o meglio, la ricercatrice Severina Cancellier illustrerà i risultati di una ricerca sugli “Ultimi vitigni riscoperti”. A coordinare il convegno, curato dall’enologo Remigio Possamai, sarà il professor Giovanni Mariani.

A tavola con Amore
Sabato 13 febbraio ore 20.00
La sera che precede il giorno degli innamorati, un’atmosfera particolare, buon cibo e vino di qualità. Questi gli ingredienti di “A tavola con amore”, la serata che il salone dedicato ai Vini Autoctoni ha lanciato lo scorso anno e ripropone in concomitanza con San Valentino. Sarà quindi possibile partecipare ad una cena a buffet con i prodotti dei presidi e le eccellenze Slow Food, abbinati ai vini autoctoni dagli esperti della Condotta Slow Food di Conegliano. Un’idea originale per un San Valentino, diverso, a portata di tutti visto anche il costo contenuto di 25 euro. A condurre la serata sarà Renato Grando.

La rassegna monotematica
Sabato 13 e Domenica 14 febbraio
L’apice della manifestazione si toccherà sabato 13 febbraio dalle ore 17 alle 22.30 e domenica 14 febbraio dalle 10 alle 20 con la rassegna monotematica. Una cinquantina le aziende vitivinicole venete e friulane, presenti con i loro vini autoctoni. Si potranno degustare vini friulani come il Franconia, il Friulano, il Refosco, lo Schioppettino o il Verduzzo Friulano e tanti autoctoni trevigiani dalla Trevisana Nera alla Pavana, dal Grapariol ai vari Manzoni, per un totale di 28 varietà in mostra. Per la prima volta sarà presente anche un vino della provincia di Belluno, un Uvaggio di Autoctoni Bellunesi. Le degustazioni saranno accompagnate da assaggi gastronomici dei migliori prodotti tipici, selezionati dalla Condotta Sloow Food di Conegliano. Durante il salone inoltre, sabato e domenica dalle 18 alle 19.30, si terrà anche il Laboratorio di Degustazione dedicato all’aceto balsamico tradizionale di Modena e alla Pitina Friulana.

AGLIANICO e ALGLIANICO
La Fabbrica dei Sapori

Wednesday, October 28th, 2009

aglianico_aglianicoAl via mercoledì 11 novembre la più grande rassegna dedicata al vitigno autoctono a bacca nera tra i più antichi e nobili del Sud, l’Aglianico. L’evento, organizzato da La Fabbrica dei Sapori di Battipaglia, capitanata da Cosimo Mogavero in collaborazione con Luciano Pignataro Wineblog , vede per la prima volta riunite oltre 50 cantine produttrici di Aglianico provenienti da tutti gli areali più vocati. La parte principale la fa la Campania con le cinque zone Irpinia, Taburno e Beneventano, Cilento, Terra di Lavoro e Vesuvio. Ancora il grande Aglianico del Vulture dalla Basilicata e poi Puglia e Abruzzo con caratteristiche espressione territoriali rappresentate da blasonate aziende. Due giorni di banchi d’assaggio, degustazioni guidate e incontri con oltre 15 enologi che racconteranno la propria esperienza con l’indomabile Aglianico, vitigno forte, spigoloso, longevo e dalle più varie e alte possibilità espressive in ogni singolo territorio.

Tre i laboratori specializzati su prenotazione: uno mercoledì 11 novembre a cura di Mauro Erro e Tommaso Luongo dedicato all’Aglianico del Vulture con una degustazione dedicata alle aziende emergenti del momento, gli altri due a cura di due rappresentative aziende di Campania e Puglia.

EIN PROSIT
vini da vitigno autoctono italiani ed internazionali

Friday, October 23rd, 2009

ein-prosit-2009Torna dal 19 novembre al 23 novembre 2009 la 11ª edizione di “Ein Prosit”, manifestazione di vini da vitigno autoctono. La Mostra assaggio di vini e prodotti gastronomici, evento centrale della 11ª edizione di Ein Prosit, si terrà nel Palazzo Veneziano di Malborghetto (Udine), sede nel corso dell’anno del Museo Etnografico. Nella sezione “Vigneto“, saranno ospitate circa 150 aziende vinicole con la presenza diretta del produttore, provenienti dal Friuli Venezia Giulia, dalle altre regioni italiane e dalle vicine Austria, Germania, Croazia e Slovenia. Nella sezione “Culinaria“, fra gli oltre 50 produttori nazionali, selezionati in collaborazione con Daniele Savi, il visitatore troverà il meglio della produzione gastronomica regionale e nazionale, con l’opportunità di degustare tante prelibatezze.

Degustazioni guidate
Scoperte ed approfondimenti, alla ricerca delle emozioni che può regalare il vino, a cura di Gian Luca Mazzella e Sandro Sangiorgi.

Incontri e seminari
Confronto con i protagonisti del mondo del vino, su temi e idee d’attualità, a cura di Aurora Endrici.

Laboratori dei sapori
“In viaggio tra i Sapori” abbinamenti tra le più significative specialità gastronomiche abbinate ai vini autoctoni del Friuli Venezia Giulia, a cura di Bepi Pucciarelli. “Alta scuola dei Sapori” vere e proprie escursioni nel meglio del panorama culinario italiano, a cura di Paolo Marchi.

Itinerari del gusto
Ovvero la presenza di prestigiosi cuochi nazionali ed internazionali impegnati a presentare la loro cucina di territorio abbinata ai grandi vini del Friuli Venezia Giulia; un appuntamento per tutti gli appassionati da non lasciarsi scappare.

Ristoranti della Val Canale
Durante i 5 giorni della manifestazione, i ristoratori del comprensorio preparano un menu degustazione per l’occasione, abbinandolo ai vini dei produttori presenti ad Ein Prosit.

Orari di apertura
Sabato 21 novembre 2009
10.00 – 19.00

Domenica 22 novembre 2009
10.00 – 19.00

Biglietto ingresso
€ 20,00

AUTOCHTONA 09
6° Forum dei vini locali

Friday, October 16th, 2009

Autochtona_logoIn risposta all’omologazione vinicola internazionale, la riscoperta dei vini locali. È questo lo spirito che sta alla base di “Autochtona”, il forum dei vini autoctoni giunto alla sua sesta edizione, che si terrà dal 19 al 20 ottobre 2009 nei padiglioni di Fiera Bolzano in contemporanea con “Hotel 09”, la fiera internazionale dell’hotellerie di qualità. “Autochtona 09” propone un percorso di conoscenza vinicola di quei prodotti considerati minori dall’industria enologica internazionale, sempre più concentrata sui grandi vitigni come Chardonnay, Cabernet, Sauvignon e Merlot e su prodotti che tendono ad appiattirsi su un unico standard gustativo, adatto a una clientela globalizzata. Grande risalto, naturalmente, alla produzione del territorio, con una forte presenza di cantine altoatesine che fanno dell’attenzione alla qualità e del rispetto del territorio uno dei punti di forza della loro produzione. Ma anche produttori siciliani, veneti, toscani mostreranno le virtù e le potenzialità delle loro bottiglie, in una chiara occasione di business e di contatto con clienti nazionali e internazionali tra enoteche, wine bar, ristoranti, hotel. “Autochtona” illustrerà al visitatore lo stretto legame che intercorre tra il vino autoctono, espressione di un vitigno tradizionalmente legato a un territorio, e la gastronomia locale, in quel connubio tra cibo e vino che è da sempre una delle bandiere dei gourmet di tutto il mondo. Accanto ai vini di qualità, i visitatori di “Autochtona 09” potranno ammirare anche le proposte di Hotel 09 , manifestazione internazionale dedicata al mondo dell’hotel e dell’ospitalità: in sei aree tematiche (cucina e tavola, interni e decorazione, costruire e innovare, wellness, management e comunicazione e gastronomia) l’eccellenza dell’industria alberghiera sarà presente nei padiglioni di Fiera Bolzano dal 19 al 22 ottobre 2009.

SCHIOPPETTINO V.I.P.! Valle dello Judrio, 3 – 4 luglio ‘09

Friday, July 3rd, 2009

cartolina.jpgI 33 produttori dello Schioppettino di Prepotto si preparano alla più bella festa dell’estate friulana, nel nome dell’antico vitigno autoctono a bacca rossa.

Al nastro di partenza la prima e più emozionante festa dello Schioppettino di Prepotto nella Valle dello Judrio (in provincia di Udine), prestigiosa sottozona nella DOC Colli Orientali del Friuli, dedicata ad uno dei più antichi vitigni autoctoni a bacca rossa della regione.

L’Associazione Produttori dello Schioppettino di Prepotto nasce nel 2002 con lo scopo di promuovere e garantire la qualità e le caratteristiche tipiche di questo vitigno. Dopo un percorso iniziato nel 2003 e l’adozione di un disciplinare di produzione molto restrittivo, l’Associazione ha ottenuto nel 2008 il proprio cru: la denominazione di sottozona “Schioppettino di Prepotto”. (more…)

DAL PROSECCO A…PROSECCO

Wednesday, June 10th, 2009

Veduta di Col San Martino - Wikimedia CommonsDopo 40 anni di DOC, il pianeta Prosecco rivoluziona tutto ciò che lo riguarda, dalle denominazioni di origine, all’allargamento della possibilità di fregiarsi della DOC a ben nove province. Alla originaria, storica, provincia di Treviso si aggiungono le province venete di Vicenza, Padova,Venezia, Belluno, quelle friulane di Pordenone, Udine, Gorizia, per arrivare alla Venezia Giulia in provincia di Trieste dove troviamo una bellissima cittadina che si chiama Prosecco.

Si parte dal Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene (Treviso) per arrivare a Prosecco sull’altopiano del Carso (Trieste).
Omonimia? Casualità? Svista di qualche legislatore che confonde il verde delle stupende colline foderate di vigneti che ci accompagnano da Valdobbiadene a Conegliano con il blu delle acque del suggestivo Golfo di Trieste che si può ammirare dall’altopiano del Carso?
No, questa volta il burocrate non c’entra, non quello nostrano almeno. (more…)

Messaggio sponsorizzato Vini dell’Austria Tra i sette produttori dei Vini dell’Austria: ERWIN E L’AZIENDA TINHOF

Tuesday, June 9th, 2009

tinhof.JPGCome più volte ribadito la qualità dei Vini dell’Austria nasce dalla passione e dalla maestria di sette produttori della regione del Burgenland, produttori che WineBlog, mese dopo mese, vuole farvi conoscere più da vicino.
Dopo Ernst Holler titolare dell’Azienda Helfenhof conosciamo oggi Erwin Tinhof e l’Azienda Tinhof.

Da sempre impegnato nella ricerca della qualità, dopo gli studi in agraria ed enologia Erwin fa esperienza sul campo presso un’importante cantina della Francia meridionale, la Mas de Daumas Gassac. Nel 1990 prende in affitto i suoi primi 6.5 ettari di vigneto presso il comune di Eisenstadt, zona contraddistinta da un microclima ed un’esposizione solare particolarmente favorevole. (more…)