Archive for the ‘evidenza’ Category

UNA CARTA DEI VINI “DIVERTENTE”
Incontro con Andrea Fenoglio – audio

Monday, February 28th, 2011

Sfogliando la carta dei vini del Ristorante Sissi con Andrea Fenoglio... - Copyright: Francesca GregoriLo scorso novembre 2010, in occasione di Merano WineFestivalWineBlog ha incontrato Andrea Fenoglio, chef e titolare del Ristorante Sissi a Merano.

E’ stato un incontro-intervista di quelli che ti rimangono nell’animo, per la schiettezza con cui Andrea si è raccontato e ha raccontato il suo modo di fare ed interpretare l’alta cucina: un incontro che vogliamo proporvi in audio così come è nato, nella forma di una spontanea chiacchierata.

Cominciamo il racconto di questo incontro dalla carta dei vini del ristorante Sissi, che Andrea Fenoglio definisce una carta “divertente” – composta tenendo sempre presente l’equilibrio con il prezzo, e la possibilità per il cliente di sentirsi libero di ordinare una seconda bottiglia e tenere alta l’atmosfera della cena:

Una carta dei vini “divertente” >

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Abbiamo poi sfogliato la carta dei vini insieme ad Andrea: da Arunda in avanti, divertitevi a scoprire pagina per pagina quali sono i nomi commentati da Fenoglio!..

Un vino per pagina… >

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Intervista di Andrea Bianchi – Foto di Francesca Gregori
Prima parte – continua…

[nggallery id=21]

LE MIGLIORI BOLLICINE ITALIANE A ROMA
4 dicembre, con Sparkle Bere Spumante 2011

Friday, December 3rd, 2010

Si danno appuntamento nella capitale, il prossimo 4 dicembre le più grandi ed importanti aziende di bollicine italiane, nella magnifica location dell’Hotel Saint Regis Grand situato nel pieno centro di Roma, una kermesse in cui i veri ed unici protagonisti saranno spumanti, TrentoDoc, Alto Adige, Oltrepò Pavese, Conegliano Valdobiadene Prosecco Superiore e Franciacorta, tutti rigorosamente made in Italy.

L’evento Sparkle 2011 sarà interamente aperto al pubblico, ogni azienda avrà un proprio banco di assaggio e tutti i presenti potranno partecipare alla degustazione di bollicine a partire dalle ore 16,30.

La manifestazione è organizzata dalla rivista Cucina & Vini – il magazine di cultura enogastronomica in edicola da ben 11 anni – in collaborazione con Athenaeum Ateneo dei sapori e oltre ad essere un’occasione unica per poter degustare il meglio della produzione nazionale, l’evento terrà a battesimo anche la nona edizione dell’ormai storica guida “Sparkle – Bere Spumante 2011”.

Si dice contento e soddisfatto, Francesco D’Agostino – direttore della rivista Cucina & vini e curatore della guida – “I due anni precedenti abbiamo scelto Milano per tenere a battesimo la guida e per organizzare l’evento Sparkle, ma quest’anno – che per noi è stato caratterizzato da cambiamenti importanti e decisivi – siamo voluti tornare a Roma che è la nostra città, quella in cui è nata la rivista, la guida e dove da sempre lavoriamo. Non dimentichiamo poi che la Capitale è il mercato più importante del Paese e che una manifestazione del genere può avere interessanti risvolti commerciali per le aziende”.

L’evento è ovviamente legato alla guida “Sparkle – Bere Spumante 2011” che quest’anno è arrivata alla sua nona edizione. La guida è il frutto di un lavoro di gruppo durato quasi un anno nel corso del quale il panel di degustatori, capitanato da Francesco D’Agostino, ha degustato più di 2000 etichette selezionandone 746 per l’inserimento in guida, ben 25 in più rispetto allo scorso anno.

Per quanto riguarda la tendenza generale, le luci della ribalta brillano anche quest’anno per Franciacorta con ben 228 etichette in guida – 10 in più rispetto al 2010 – e per Conegliano Valdobbiadene con un incremento di 30 etichette rispetto all’edizione passata, per un totale di 201 vini in guida.
Ciò che emerge dalla guida è un quadro estremamente positivo della nostra produzione spumantistica avvalorato ancor di più da un generoso elenco di etichette a cui è stata riconosciuta l’eccellenza con il simbolo delle 5 sfere, per un totale di 39 premiati. Il podio dei migliori se l’aggiudica la Lombardia con 13 premiati, seguita da Trentino con 9 e dal Veneto con 8.

Per quanto riguarda la struttura della guida, non c’è nessuno stravolgimento rispetto al volume precedente quindi ogni etichetta è rappresentata da una scheda nella quale vengono riportate tutte le maggiori caratteristiche del vino come l’uvaggio, il metodo di vinificazione e le caratteristiche organolettiche. Quei vini che si distinguono per un rapporto prezzo/prestazione in guida particolarmente conveniente sono evidenziati mediante il simbolo del salvadanaio. Non manca l’etichetta a colori e neppure l’abbinamento cibo, suggerendo dei veri e propri piatti, elementi questi che rendono la guida unica nel suo genere.

MERANO WINE FESTIVAL 2010
Tutti i comunicati a portata di click!

Wednesday, November 10th, 2010

s InternationalSi è conclusa lunedì 8 novembre 2010 la 19esima edizione del Merano WineFestival, un’edizione che anche quest’anno non ha deluso né gli organizzatori né i partecipanti che hanno affollato numerosi le location della manifestazione.

Durante i giorni del festival, WineBlog ha pubblicato i comunicati diffusi da Gourmet’s International, comunicati che trovate all’interno della sezione speciale dedicata alla kermesse meranese.

In attesa di potervi fornire i contenuti prodotti invece dalla nostra redazione (immagini, interviste e videointerviste) vi invitiamo pertanto a seguire i punti salienti di quest’edizione, come la presentazione della guida ‘I Vini Buoni D’Italia‘, il ‘Puro D’Oro‘ o  le  13 medaglie ai vini eroici premiati dal Cervim.

Per leggere tutti i comunicati relativi alla 19 edizione del Merano Wine Festival clicca qui.

MIWF GIORNO 1: OLTRE 2100 VISITATORI

Sunday, November 7th, 2010

Oltre 2.100 i visitatori nella prima giornata del Merano WineFestival, distribuiti equamente nelle sale dedicate all’eccellenza enoica italiana e internazionale, al Pavillon des Fleurs terreno dei grandi vini di Bordeaux, ma anche nel tendone di Culinaria dove alloggiavano i produttori di prelibatezze gastronomiche ma anche distillati e birre.

Ottimo l’afflusso pure alla GourmetArena in piazza Terme.

Lo staff di Wine Blog sta incontrando per voi alcuni dei più interessanti personaggi e protagonisti del Festival!..

Oggiseconda giornata dell’evento, dalle 10 alle 18.

MERANO WINE FESTIVAL 2010:
SI DIA INIZIO ALLE DANZE!

Wednesday, November 3rd, 2010

event-66

Siamo finalmente entrati nella settimana del 19esimo Merano Wine Festival ed ora, dopo le anticipazioni di Helmut Koecher e gli eventi delle scorse settimane, è tempo di recarsi nella bellissima cittadina altoatesina e dare inizio alle danze!

Tutto è pronto, tutti sono alle postazioni di partenza, una partenza che sebbene si ufficializzi nella giornata di venerdì 5 novembre, inizia già giovedì 4 quando dalle 19 alle 23 si terrà il Merano WineFestival Pre-Opening-Event. Nel corso della serata si avrà modo di degustare  un vino indiano (Grover vineyards aus Nandy Hills/vicino a Bengalore, uva Shiraz e Viognier) del guru Michel Rolland, di provare l’esperienza del confronto tra Franciacorta e Prosecco, dei vini con temperamento e classe dalla Toscana, quelli forti dell’Etna/Sicilia e molto, molto altro.

Dal 5 al 8 novembre avrà invece inizio la kermesse vera e propria ospitata anche quest’anno nella prestigiosa cornice del palazzo del Kurhaus di Merano. Nelle sue prestigiose sale si troveranno ben 486 aziende vitivinicole italiane ed internazionali (sezione Wine); 52 aziende di vini (bio&dynamica); 90 produttori di specialità artigianali selezionati nella sezione Culinaria; 15 distillatori (Aquavitae&Liquores); 10 birrifici artigianali (BeerPassion), 10 Wine Resorts e la gustosa GourmetArena.

Ad inaugurare il 19° MWF è la bio&dynamica, nell’ambito della quale 50 aziende vitivinicole italiane ed internazionali selezionate, certificate biologiche e/o biodinamiche, propongono in degustazione i loro vini, nella maggior parte con riferimento alla filosofia del mondo di Rudolf Steiner.

La bio&dynamica è l’evento di apertura del 19° Merano International WineFestival ed avrà luogo venerdì, il 5 novembre 2010, dalle ore 10-18 nell’elegante Pavillon des Fleurs del Kurhaus di Merano.

Clicca qui per vedere il programma della manifestazione.

AL MERANO WINE FESTIVAL
NON SOLO VINO…MA ANCHE BIRRA!
Le anticipazioni di Helmuth Koecher

Thursday, October 21st, 2010

fonte: valseiablog.itUltime anticipazioni della XIX edizione del Merano WineFestival prima dell’inizio dell’attesa kermesse.

Oggi Helmuth Koecher ci introduce a tre particolari argomenti: le novità della sezione culinaria, del nuovo spazio dedicato ai Wine Resorts e dell’innovativa Beer Passion! Sì perchè, come ammette il Presidente di Gourmet’s International, dopo anni di attenzione enologica è ora tempo di guardare anche alla cultura ed al piacere offerto dal mondo della birra…

Ascolta l’intervista ad Helmuth Koecher (6′10” 5,65Mb)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Intervista di Jessica Ceotto

VINI BUONI D’ITALIA: ECCO LE CORONE 2010

Tuesday, August 3rd, 2010

L’edizione 2010 di Vini Buoni d’Italia – curata da Mario Busso e Luigi Cremona – ha concluso i lavori. Al castello di Guardia Sanframondi, alla presenza di moltissimi produttori, sono stati comunicati i migliori vini. Ecco dunque la selezione completa:

ABRUZZO Pasetti Colline Pescaresi Igt Pecorino Colle Civetta 2009
ABRUZZO Pietrantonj – Antica Casa Vitivinicola Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo Doc Cerano 2009
ABRUZZO Cataldi Madonna Luigi Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo Doc Piè delle Vigne 2008
ABRUZZO Torre Zambra Montepulciano d’Abruzzo Doc Colle Maggio 2006
ABRUZZO Valentini Montepulciano d’Abruzzo Doc 2006
ABRUZZO Lorenzo Filomusi Guelfi Montepulciano d’Abruzzo Doc Riserva 2006
ABRUZZO Barone Cornacchia Montepulciano d’Abruzzo Doc Poggio Varano 2006
ABRUZZO Illuminati Dino Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Docg Riserva Zanna 2007
ABRUZZO Nicodemi Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Docg Notari 2007
ABRUZZO San Lorenzo Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Docg Riserva Escol 2006
ABRUZZO Angelucci Colline Pescaresi Igt Passito Moscatello di Castiglione Angelucci 2009
ABRUZZO Ciccio Zaccagnini Colline Pescaresi Igt Rosso Clemantis 2005

ALTO ADIGE Cantina Andriano Alto Adige Doc Gewürztraminer Passito Juvelo 2008
ALTO ADIGE Cantina Produttori Bolzano Alto Adige Doc Santa Maddalena Classico Huck Am Bach 2009
ALTO ADIGE Cantina Terlano Alto Adige Doc Gewürztraminer Lunare 2008
ALTO ADIGE Elena Walch Alto Adige Doc Lagrein Riserva Castel Ringberg 2006
ALTO ADIGE Girlan Alto Adige Doc Gewürztraminer Flora 2009
ALTO ADIGE Loacker Alto Adige Doc Santa Maddalena Morit Loacker 2009
ALTO ADIGE Malojer – Gummerho Alto Adige Doc Lagrein Riserva 2007
ALTO ADIGE Merano – Cantina Vini Alto Adige Doc Moscato Giallo Passito Sissi 2008
ALTO ADIGE Tenuta Waldgries Alto Adige Doc Santa Maddalena 2009
ALTO ADIGE Tramin Alto Adige Doc Gewürztraminer Nussbaumer 2009

BASILICATA Casa Maschito- Grandi Vini Lucani Aglianico del Vulture Doc La Bottaia 2005
BASILICATA Casa Maschito- Grandi Vini Lucani Aglianico del Vulture Doc Portale Adduca 2005
BASILICATA D’Angelo Casa Vinicola Aglianico del Vulture Doc Valle del Noce 2008
BASILICATA Paternoster Aglianico del Vulture Doc Don Anselmo 2006

Calabria Librandi Antonio e Nicodemo Cirò Doc Rosso Suiperiore Riserva Duca San Felice 2008
Calabria Terre di Balbia Calabria Igt Rosso Serra Monte 2007
Calabria Cantina Val di Neto Melissa Doc Rosso Superiore Mutrò 2005

CAMPANIA Cantina del Taburno Taburno Doc Falanghina 2009
CAMPANIA La Pietra di Tommasone Epomeo Igt Bianco Phitecusa 2009
CAMPANIA Marisa Cuomo Costa D’Amalfi Doc Bianco Furore 2009
CAMPANIA Macchialupa Greco di Tufo Docg 2009
CAMPANIA Feudi di San Gregorio Greco di Tufo Docg Cutizzi 2009
CAMPANIA Di Meo Fiano di Avellino Docg 2009
CAMPANIA Villa Matilde Fiano di Avellino Docg Tenuta di Altavilla 2009
CAMPANIA Cantine Antonio Caggiano Fiano di Avellino Docg Bèchar 2009
CAMPANIA Guido Marsella Fiano di Avellino Docg 2009
CAMPANIA Alois Campania Igt Cunto 2008
CAMPANIA Galardi Roccamonfina Igt Terra di Lavoro 2008
CAMPANIA Podere San Domenico Falerno del Massico Doc Rosso 2007
CAMPANIA Regina Viarum Falerno del Massico Doc Barone 2007
CAMPANIA Quintodecimo Irpinia Doc Aglianico Terra d’Eclano 2007
CAMPANIA Ocone Agricola del Monte Taburno Doc Aglianico Anàstasi 2006
CAMPANIA Salvatore Molettieri Taurasi Docg RiservaVigne Cinque Querce 2005
CAMPANIA Terredora Taurasi Docg Riserva Campore 2004
CAMPANIA Maffini Pestum Igt Cenito 2007
CAMPANIA Mastroberardino Taurasi Docg Riserva Radici 2004

Emilia Lini 910 Emilia Igt Lambrusco Rosè 2009
Emilia Lini 910 Emilia Igt Lambrusco Scuro In Correggio 2009
Emilia Madonia Giovanna Sangiovese di Romagna Doc Superiore Riserva Ombroso 2007

FRIULI Borgo San Daniele Friuli Isonzo Doc Friulano 2008
FRIULI Damijan Podversic Venezia Giulia Igt Malvasia 2007
FRIULI Il Carpino Collio Doc Ribolla Gialla 2007
FRIULI Il Carpino Collio Doc Malvasia 2009
FRIULI Keber Edi Collio Doc Bianco 2009
FRIULI Keber Renato Collio Doc Friulano 2008
FRIULI Picech Roberto Collio Doc Friulano Athena 2007
FRIULI Sgubin Renzo Isonzo Igt Malvasia 2009
FRIULI Sgubin Renzo Friuli Isonzo Doc Friulano 2009
FRIULI Skerli Venezia Giulia Igt Malvasia 2007
FRIULI Venica & Venica Collio Doc Friulano Ronco delle Cime 2009
FRIULI Vosca Francesco Collio Doc Malvasia 2009
FRIULI Zidarich Carso Doc Vitovska 2008
FRIULI Plozner Venezia Giulia Igt Friulano Moscabianca 2009
FRIULI Buiatti Livio e Claudio Colli Orientali del Friuli Doc Malvasia 2009
FRIULI Petrussa Colli Orientali del Friuli Doc Schioppettino 2007
FRIULI Vigna Petrussa Colli Orientali del Friuli Doc Schioppettino 2007
FRIULI Marinig Colli Orientali del Friuli Doc Refosco 2008
FRIULI Aquila del Torre Colli Orientali del Friuli Doc Refosco Sol Si Re 2008
FRIULI Conte D’Attimis Maniago Colli Orientali del Friuli Doc Tazzelenghe 2006
FRIULI Sara & Sara Colli Orientali del Friuli Doc Verduzzo Friulano Crei 2008
FRIULI Sara & Sara Colli Orientali del Friuli Docg Picolit 2007
FRIULI Aquila del Torre Colli Orientali del Friuli Docg Picolit C

ISTRIA Arman Franc Malvazija Istarska 2009
ISTRIA Clai Refošk 2007
ISTRIA Benvenuti Muškat Momjanski 2007

LAZIO Colle Tonno Cesanese del Piglio Docg San Magno 2008
LAZIO Marco Carpineti Lazio Igt Bianco Moro 2008
LAZIO Mottura Sergio Civitella d’Agliano Igt Poggio della Costa 2009
LAZIO Principe Pallavicini Lazio Igt Malvasia Puntinata Stillato 2009
LAZIO Trappolini Lazio Igt Rosso Paterno 2008

LIGURIA Cascina delle Terre Rosse Bianco Apogèo 2009
LIGURIA Forlini Cappellini Cinque Terre Doc Sciacchetrà Riserva 2005
LIGURIA La Baia del Sole – Federici Colli di Luni Doc Vermentino Sarticola 2009
LIGURIA Le Rocche del Gatto Spigaü Crociata 2006
LIGURIA Walter De Battè Cinque Terre Doc 2008

LOMBARDIA Barcella Giorgio – Cerri Moscato di Scanzo Docg OI Mosca 2007
LOMBARDIA Bruno Verdi Oltrepò Pavese Doc Bonarda Possessione di Vergomberra 2009
LOMBARDIA Cà Lojera Lugana Doc Cà Lojera 2009
LOMBARDIA Cantina Perla del Garda Lugana Doc Madre Perla 2008
LOMBARDIA Cantine della Valtenèsi e della Lugana – Civielle Garda Classico Doc Chiaretto Pergola 2009
LOMBARDIA Fay Valtellina Superiore Docg Valgella Ca’ Morei 2007
LOMBARDIA Fondazione Fojanini – La Castellina Valtellina Superiore Docg Sassella Riserva Le Barbarine 2004
LOMBARDIA Nino Negri Sforzato di Valtellina Docg Sfursat Nino Negri 2007
LOMBARDIA Pasini San Giovanni Lugana Doc Spumante Metodo Classico

MARCHE Morelli Claudio Bianchello del Metauro Doc San Cesareo 2009
MARCHE Le Caniette Offida Doc Passerina Lucrezia 2009
MARCHE Aurora Offida Doc Pecorino Fiobbo 2008
MARCHE Poderi Capecci San Savino Offida Doc Pecorino Ciprea 2009
MARCHE Maria Pia Castelli Marche Igt Rosso Erasmo Castelli 2008
MARCHE Collestefano Verdicchio di Matelica Doc 2009
MARCHE Vallerosa Bonci Verdicchio Castelli di Jesi Doc Classico Superiore San Michele 2008
MARCHE Montecappone Verdicchio Castelli di Jesi Doc Classico Riserva 2008
MARCHE Garofoli Verdicchio Castelli di Jesi Doc Classico Superiore Podium 2008
MARCHE Umani Ronchi Verdicchio Castelli di Jesi Doc Classico Superiore Casal di Serra Vecchie Vigne 2008
MARCHE Sartarelli Verdicchio Castelli di Jesi Doc Classico Superiore Balciana 2008
MARCHE Bucci Verdicchio Castelli di Jesi Doc Classico Riserva Villa Bucci 2007
MARCHE Fazi Battaglia Verdicchio Castelli di Jesi Doc Classico Superiore Massaccio 2007
MARCHE Terre Cortesi Moncaro Verdicchio Castelli di Jesi Doc Classico Riserva Villa Novali 2006
MARCHE Oasi degli Angeli Marche Igt Rosso Kurni 2008

MOLISE Angelo D’Uva Tintilia del Molise Doc 2008
MOLISE Cantine Cipressi Molise Doc Rosso Mekan 2008
MOLISE Di Majo Norante Molise Doc Rosso Riserva Don Luigi 2008
MOLISE Cianfagna Aglianico del Molise Doc Riserva Militum Christi 2004

PIEMONTE Abrigo Orlando Nebbiolo d’Alba Doc Valmaggiore 2008
PIEMONTE Alessandria Fratelli Barolo Docg Gramolere 2006
PIEMONTE Anzivino Coste della Sesia Doc Rosso Faticato 2006
PIEMONTE Bel Colle Barolo Docg Riserva Monvigliero 2004
PIEMONTE Borgo Moncalvo Brachetto d’Acqui Docg 2009
PIEMONTE Bruno Giacosa Barolo Docg Riserva Le Rocche del Falletto 2004
PIEMONTE Ca’ d’ Gal Moscato d’Asti Docg Vigna Vecchia 2004
PIEMONTE Cascina Bertolotto Monferrato Doc Bianco Il Barigi 2009
PIEMONTE Cascina Castlet Barbera d’Asti Doc Passum 2007
PIEMONTE Cascina Morassino Barbaresco Docg Ovello 2007
PIEMONTE Cavallotto Tenuta Bricco Boschis Barolo Docg Riserva Vigna San Giuseppe 2004
PIEMONTE Ceretto Barbaresco Docg Bricco Asili Bernardot 2007
PIEMONTE Coppo Barbera d’Asti Doc Camp du Rouss 2008
PIEMONTE Correggia Matteo Roero Doc Roche d’Ampsèj 2006
PIEMONTE Damilano Barolo Docg Brunate 2006
PIEMONTE Dezzani Barbera d’Asti Doc Ronchetti 2009
PIEMONTE Icardi Barbera d’Alba Doc Surì di Mù 2008
PIEMONTE Icardi Barbaresco Docg Montubert 2007
PIEMONTE La Scolca Gavi Docg Soldati la Scolca Brut Millesimato 2003
PIEMONTE Malvirà Barbera d’Alba Doc Superiore 2006
PIEMONTE Massolino – Vigna Rionda Dolcetto d’Alba Doc 2009
PIEMONTE Nota Giuliano Dolcetto d’Alba Doc Vignej 2009
PIEMONTE Oddero Poderi e Cantine Barolo Docg Rocche di Castiglione 2006
PIEMONTE Paolo Pizzorni Vino Dolcetto d’Acqui Doc Il Commensale 2009
PIEMONTE Parusso Armando Barolo Docg Mariondino 2006
PIEMONTE Poderi Luigi Einaudi Dogliani Docg I Filari 2008
PIEMONTE Poggio Ridente Piemonte Doc Albarossa 2009
PIEMONTE Prinsi Barbaresco Docg Gallina 2006
PIEMONTE Renato Ratti Dolcetto d’Alba Doc Colombé 2009
PIEMONTE Rizzi Barbaresco Docg Rizzi 2006
PIEMONTE Sandrone Luciano Nebbiolo d’Alba Doc Valmaggiore 2008
PIEMONTE Scrimaglio Barbera d’Asti Doc No Wood 2009
PIEMONTE Tenuta Olim Bauda Barbera d’Asti Doc La Villa 2009
PIEMONTE Tenuta San Pietro in Tassarolo Gavi Docg San Pietro 2009
PIEMONTE Tenute Sella 1671 Lessona Doc Omaggio a Quinto Sella 2005

PUGLIA D’Araprì Spumante Metodo Classico Brut Millesimato Riserva Nobile 2006
PUGLIA Masseria Li Veli Valle d’Itria Igt Verdeca Askos 2009
PUGLIA Colli della Murgia Puglia Igt Bianco Tufjano 2009
PUGLIA Agricola Guida Colline Joniche Tarantine Doc Primitivo Egiale 15,5° 2008
PUGLIA Giuliani Raffaele Gioia del Colle Doc Primitivo Riserva 2006
PUGLIA Palamà Vini del Salento Salento Igt Rosso Mavro 2008
PUGLIA Azienda Monaci Copertino Doc Rosso Eloquenzia 2007
PUGLIA Cantine Soloperto Primitivo di Manduria Doc Mono 2008
PUGLIA Agricole Vallone Salento Igt Rosso Graticciaia 2006

SARDEGNA Cherchi Isola dei Nuraghi Igt Luzzana 2008
SARDEGNA Cantina di Calasetta Carignano del Sulcis Doc Rosso Riserva Aina 2007
SARDEGNA Sardus Pater Carignano del Sulcis Doc Rosso Is Arenas 2007
SARDEGNA Argiolas Isola dei Nuraghi Igt Turriga 2006
SARDEGNA Fradiles Vitivinicola Mandrolisai Doc Rosso 2008

SICILIA Benanti Etna Superiore Doc Pietramarina 2006
SICILIA Benanti Etna Doc Serra della Contessa 2008
SICILIA Castellucci Miano Sicilia Igt Miano 2009
SICILIA Cottanera Etna Doc Bianco 2009
SICILIA Feudo Montoni Sicilia Igt Vrucara 2007
SICILIA Florio Malvasia delle Lipari Doc Passito 2009
SICILIA Gulfi Cerasuolo di Vittoria Docg 2009
SICILIA Gulfi Sicilia Igt Nerobaronj 2006
SICILIA Passopisciaro Sicilia Igt Porcarìa 2008
SICILIA Tenuta delle Terre Nere Etna Doc Prephylloxera 2008

TOSCANA Panizzi Vernaccia di San Gimignano Docg Riserva 2007
TOSCANA Montenidoli Toscana Bianco I.G.T. Il Templare 2006
TOSCANA Le Bèrne Vino Nobile di Montepulciano Docg Riserva 2006
TOSCANA Salcheto Vino Nobile di Montepulciano Docg Salco Evoluzione 2005
TOSCANA Pietro Beconcini Toscana I.G.T. Reciso 2007
TOSCANA Salustri Leonardo Montecucco Doc Sangiovese Grotte Rosse 2007
TOSCANA Il Borghetto Toscana I.G.T. Clante 2006
TOSCANA Vecchie Terre Montefili Colli Toscana Centrale I.G.T. Anfiteatro 2006
TOSCANA Riecine Toscana I.G.T. La Gioia 2006
TOSCANA Isole e Olena Toscana I.G.T. Cepparello 2007
TOSCANA Montevertine Toscana I.G.T. Le Pergole Torte 2007
TOSCANA Fontodi Colli Toscana Centrale I.G.T. Flaccianello della Pieve 2007
TOSCANA Badia a Coltibuono Chianti Classico Docg 2008
TOSCANA La Porta di Vertine Chianti Classico Docg Riserva 2007
TOSCANA Fèlsina Chianti Classico Docg Riserva Rancia 2007
TOSCANA Capannelle Chianti Classico Docg Riserva 2007
TOSCANA Val delle Corti Chianti Classico Docg Riserva 2006
TOSCANA Monteraponi Chianti Classico Docg Riserva Baron’Ugo 2006
TOSCANA Riecine Chianti Classico Docg Riserva 2006
TOSCANA Castello di Monsanto Chianti Classico Docg Riserva Il Poggio 2006
TOSCANA San Felice Chianti Classico Docg Riserva Poggio Rosso 2006
TOSCANA Conti Costanti Rosso di Montalcino Doc 2008
TOSCANA Poggio di Sotto Rosso di Montalcino Doc 2007
TOSCANA Tenuta Le Potazzine Brunello di Montalcino Docg 2004
TOSCANA Poggio di Sotto Brunello di Montalcino Docg 2005
TOSCANA Stella di Campalto Brunello di Montalcino Docg 2005
TOSCANA Lambardi Brunello di Montalcino Docg 2005
TOSCANA Fattoi Brunello di Montalcino Docg Riserva 2004
TOSCANA Siro Pacenti Brunello di Montalcino Docg “PS” 2004
TOSCANA Le Macioche – Palazzina Brunello di Montalcino Docg Riserva 2004
TOSCANA Biondi Santi Brunello di Montalcino Docg Riserva Tenuta Greppo 2004
TOSCANA Poggio di Sotto Brunello di Montalcino Docg Riserva 2004
TOSCANA Poliziano Vin Santo di Montepulciano Doc 1999
TOSCANA Avignonesi Vin Santo di Montepulciano Doc 1998
TOSCANA Avignonesi Vin Santo di Montepulciano Doc Occhio di Pernice 1998

TRENTINO Bellaveder Trentino Doc Lagrein Dunkel Riserva Mansum 2007
TRENTINO Cantina Rotaliana di Mezzolombardo Teroldego Rotaliano Doc Riserva 2007
TRENTINO Cavit Trentino Doc Vino Santo Arèle 1999
TRENTINO de Vescovi Ulzbach Teroldego Rotaliano Doc 2008
TRENTINO Dorigati Teroldego Rotaliano Doc Superiore Riserva Diedri 2007
TRENTINO Maso Bastie Vigneti delle Dolomiti Igt Moscato Rosa 2009
TRENTINO Spagnolli Enrico Trentino Doc Marzemino 2009
TRENTINO Zeni Roberto Teroldego Rotaliano Doc Pini 2005

UMBRIA Adanti Sagrantino di Montefalco Docg Il Domenico 2005
UMBRIA Tabarrini Giampaolo Sagrantino di Montefalco Docg Colle Grimaldesco 2006
UMBRIA Caprai Sagrantino di Montefalco Docg Collepiano 2007
UMBRIA Caprai Sagrantino di Montefalco Docg 25anni 2007
UMBRIA Barberani Umbria I.G.T. Moscato Passito Villa Monticelli 2007
UMBRIA La Palazzola Umbria I.G.T. Bianco Passito Vinsanto 2006

VALLE D’AOSTA Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle Valle d’Aosta Doc Blanc de Morgex et de La Salle La Piagne 2009
VALLE D’AOSTA La Crotta di Vegneron Valle d’Aosta Doc Chambave 2009
VALLE D’AOSTA La Vrille Valle d’Aosta Doc Chambave Muscat Fletri 2008
VALLE D’AOSTA Les Crètes Valle d’Aosta Doc Fumin 2008

VENETO Malibran Valdobbiadene Prosecco Docg Extrabrut Favrèl Cinquegrammi
VENETO Sorelle Bronca Valdobbiadene Prosecco Docg Brut Particella 68
VENETO Bortolomiol Valdobbiadene Prosecco Docg Extra Dry Senior
VENETO Le Colture Valdobbiadene Prosecco Docg Extra Dry
VENETO La Tordera Valdobbiadene Prosecco Docg Extra Dry
VENETO Adami Valdobbiadene Prosecco Docg Superiore di Cartizze
VENETO Raval Bardolino Doc Chiaretto 2009
VENETO Zenato Lugana Doc Santa Cristina Vigneto Massoni 2009
VENETO Cambrago Soave Doc Classico I Cerceni 2009
VENETO I Stefanini Soave Superiore Docg Classico Monte di Fice 2008
VENETO Ca’ Rugate Soave Doc Classico Monte Alto 2008
VENETO Vicentini Emanuele e Agostino Soave Doc Superiore Casale 2009
VENETO Gini Soave Doc Classico Contrada Salvarenza 2008
VENETO Speri Valpolicella Doc Superiore Vigneto Sant’Urbano 2007
VENETO Nicolis Valpolicella Doc Superiore Ripasso Seccal 2007
VENETO Fraccaroli Domenico Grotta del Ninfeo Valpolicella Doc Superiore 2008
VENETO Massimago 1883 Valpolicella Doc Superiore Massimago 2008
VENETO I Campi di Flavio Prà Valpolicella Doc Superiore Campo Prograre 2006
VENETO Cecchetto Giorgio Piave Doc Gelsaia 2007
VENETO De Stefani Veneto Igt RossoStefen 1624 Vigneto Singolo 2005
VENETO Ca’ La Bionda Amarone della Valpolicella Doc Classico Vigneti di Ravazzol 2006
VENETO Allegrini Amarone della Valpolicella Doc Classico 2006
VENETO Roccolo Grassi Amarone della Valpolicella Doc 2006
VENETO Corte Sant’Alda Amarone della Valpolicella Doc 2006
VENETO Begali Lorenzo Amarone della Valpolicella Doc Classico Ca Bianca 2005
VENETO Zymè Amarone della Valpolicella Doc Classico 2004
VENETO Quintarelli Giuseppe Amarone della Valpolicella Doc Classico Selezione Giuseppe Quintarelli 2000
VENETO Coffele Recioto di Soave Docg Classico Le Sponde 2008
VENETO Tessère Delle Venezie Igt Passito Dimmi chi sono? 2008
VENETO Bonotto delle Tezze Veneto Igt Raboso Passito 2008

LA GRANDE FINALE PUBBLICA
DI VINIBUONI D’ITALIA
Benevento, 28 – 30 luglio

Monday, July 19th, 2010

image003

Ispirata alla tradizione enologica italiana e volta a valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità, la guida Vinibuoni d’Italia pubblicata da Touring Editore giunge alla sua ottava edizione, dando un segnale preciso ai consumatori e al mercato (italiano ed estero), che apprezza sempre di più i livelli qualitativi ed il rapporto qualità prezzo che i vini da vitigni autoctoni esprimono.

Alla base del successo della guida l’accurata selezione dei vini, ma soprattutto l’aver focalizzato le degustazioni esclusivamente sui vini da vitigni autoctoni della Penisola, ovvero su quei vini che rappresentano il vero made in Italy del patrimonio enologico nazionale e che hanno un più forte legame con il territorio di origine.

La guida è unica, nel panorama italiano, per molti aspetti: è la sola dedicata agli autoctoni, cioè a vini prodotti al 100% da vitigni con una storia di oltre 300 anni, e si basa su un processo di selezione eccezionale per impegno e per trasparenza, visto che l’attribuzione dei massimi riconoscimenti, la Corona e la Golden Star, da anni sono effettuate pubblicamente.

Infatti per la selezione finale che porterà all’assegnazione di questi prestigiosi riconoscimenti verranno organizzati  straordinari momenti di partecipazione dei produttori vinicoli, dei media e degli amanti del vino.

Gli eventi avranno il loro momento clou  a Benevento con una manifestazione nazionale.

Fatto unico nel mondo delle guide è che la grande kermesse finale sarà pubblica e chiunque potrà seguire il corretto svolgimento del lavoro della giuria composta dai due curatori, Mario Busso e Luigi Cremona, e dai 25 coordinatori regionali di territorio.

Considerato che in totale – a livello nazionale – concorreranno circa 500 vini consacrati al top dell’eccellenza italiana, essendo frutto delle selezioni operate su circa 20 mila vini degustati, la finale è uno straordinario evento di portata nazionale.

Il grande botto sarà dunque a Benevento, da mercoledì 28 luglio a venerdì 30 luglio, presso il Grand Hotel Villa Traiano per selezionare le aziende che otterranno la Corona e la Golden Star.

Gli attori pubblici che rendono possibile questa straordinaria manifestazione sono la Camera di Commercio di Benevento e la Provincia di Benevento, la Regione Campania con il Patrocinio del Comune di Sant’Agata dei Goti ma soprattutto di Guardia Sanframondi, caratteristica cittadina antica con vista imprendibile su un mare di vigneti, dove si terrà l’evento conclusivo in cui saranno presenti le massime autorità delle Istituzioni patrocinanti.

La scelta di Benevento per la grande finale non è casuale. La Provincia di Benevento  costituisce da sola circa il 40 % del totale della produzione regionale certificata.

Circa 12.000 gli ettari vitati, quasi 8000 aziende viticole, più di 60 aziende imbottigliatrici per oltre 1.000.000 ettolitri di vino prodotti ogni anno, 6 denominazioni di origine e 2 indicazioni geografiche per più di 60 tipologie di vini…

Sono questi i numeri che contraddistinguono il Beneventano e che gli assegnano la leadership nel comparto vitivinicolo della Campania.

Una tradizione vitivinicola antica e radicata, poichè oltre all’Ager Falernum, era proprio questa la zona prediletta dai Romani quando desideravano bere e commerciare del buon vino.

Inoltre, sulle strade del vino, insieme alle eccellenze enoiche si trovano anche le sorprese di una gastronomia dettata dalla ricchezza delle risorse dell’area.

Nel corso della stessa settimana dell’evento, i migliori ristoranti del beneventano proporranno un “Menu Vinibuoni d’Italia” ovvero ideeranno una serie di piatti a forte contenuto di ingredienti eccellenti prodotti in zona, abbinati alle etichette di vino autoctone e offerti ad un prezzo particolare. Tutti i giornalisti, sia i curatori della guida, sia ospiti, avranno l’opportunità di degustare ogni sera queste proposte in alcuni dei ristoranti del circuito.

A Guardia Sanframondi la giornata di venerdì 30 luglio sarà una giornata da ricordare: tutti i giornalisti visiteranno i vigneti e la cantina della Guardiense, con i suoi oltre mille soci, la più grande cantina sociale della Campania e una delle più grandi d’Italia mentre nel tardo pomeriggio sia la stampa sia gli appassionati potranno spostarsi sulla spettacolare Terrazza del Castello di Guardia, dove verranno allestiti numerosi banchi degustazione sia con le migliori aziende dell’enoagroalimentare – vini e prodotti tipici del paniere della provincia di Benevento – sia con le etichette di tutta Italia valutate finaliste in guida.

Un’occasione unica per tutti gli appassionati e operatori interessati per poter assaggiare e conoscere i migliori vini autoctoni d’Italia, posti in degustazione libera.

Evento nell’evento – verrà organizzato uno showcooking a cura dei migliori chef del territorio selezionati da Luigi Cremona, curatore da molti anni oltre che della guida Vinibuoni anche della Guida Alberghi e Ristoranti di Touring Editore.

QUANDO LE MOZZARELLE TEDESCHE SONO BLU E L’EXPORT AGROALIMENTARE ITALIANO E’ IN CRESCITA

Thursday, June 24th, 2010

mozzarellaSulle tavole degli italiani ci mancavano solo le mozzarelle blu. Nonostante i 70.000 sequestri messi in atto immediatamente dopo le segnalazioni avvenute a Trento e a Torino sembra che anche in altre città d’Italia siano spuntate le mozzarelle che al contatto con l’aria si colorano di una pigmentazione del tutto anomala.

Gli esperti hanno confermato che l’alterazione è causata da un batterio presente nell’acqua di refrigerazione che appartiene al germe del tipo Pseudomonas, tendenzialmente non nocivo ma comunque pericoloso in caso di patologie particolari (problemi respiratori e deficit del sistema immunitario).

Senza farsi prendere la mano da facili allarmismi, che dopo l’Aviaria e la febbre H1N1 lasciano la popolazione più perplessa che preoccupata rispetto alle possibili emergenze sanitarie, rimane comunque da domandarsi come possa accadere che sia il consumatore finale a scoprire una così lampante irregolarità sanitaria nel cibo che finisce nel suo piatto.

800px-pseudomonas

Questo pesante punto interrogativo sollevato dall’ADUC – Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori – porta inevitabilmente a mettere in dubbio l’efficacia dei controlli delle autorità competenti su prodotti non a norma che circolano liberamente nei supermercati.

E se il batterio non avesse dato alla mozzarella quel colorito bluastro, cosa sarebbe successo?
Anzi, cosa non sarebbe successo?

Pericolo sventato questa volta grazie ai cittadini che si sono improvvisati NAS per un giorno: il Ministero della Salute si è subito mosso attivando il sistema di allerta rapido comunitario, mentre su tutto il territorio nazionale sono in corso i sequestri delle mozzarelle a marchio “LAND” (vendute da Eurospin), “LOVILIO” (vendute da LIDL) e “MALGA PARADISO” (vendute da MD discount) prodotte in Germania da MILCHWERK JAGER GMBH & Co.

Di tutta la vicenda dovrebbe far riflettere anche il fatto che si è trattato di mozzarelle tedesche vendute in Italia. Per assurdo lo scandalo delle mozzarelle blu è scoppiato proprio mentre Il Sole 24 Ore di domenica 20 giugno pubblicava la classifica export del Made in Italy relativa al primo trimestre 2010: con una crescita del 4,5% il settore agroalimentare italiano è stato in assoluto il più forte, trainato dal distretto industriale parmense improntato su latte e formaggi che ha registrato un incremento del 65% (risultati indagine Fondazione Edison).

L’export dei nostri tanto invidiati e ricercati prodotti alimentari funziona e questa è certamente un’ottima notizia; ma mangiare un formaggio tedesco, legittimamente denominato “mozzarella”, non dovrebbe allertare tanto quanto trovarsi di fronte ad una mozzarella blu?

Martina Bridi

MARE E VITOVSKA
Venerdì 18 giugno, al Castello di Duino

Tuesday, June 15th, 2010

logoVenti tra i più prestigiosi produttori del Carso invitano il pubblico a una delle più affascinanti degustazioni dell’anno dove il loro vitigno bianco autoctono più intrigante sposa la creatività della migliore cucina triestina.
Il Comitato tecnico per la tutela della denominazione di origine controllata dei vini Carso, con il contributo e la collaborazione della Provincia di Trieste e con il patrocinio del Comune di Duino‐Aurisina, della Camera di Commercio di Trieste e di Turismo FVG, organizza in collaborazione con il Comitato Rilke la IV edizione di Mare e Vitovska che si terrà a Trieste venerdì 18 giugno nella superba cornice del Castello di Duino.

L’iniziativa è dedicata alla Vitovska, antico vino triestino dalle suggestive sfumature di vento e pietra, intrigante vitigno autoctono di questa particolare area mediterranea, autentica porta dei Balcani.

vitovskaIl programma della manifestazione non è mai stato così ricco: alle ore 16.00 il vitigno sarà protagonista di un convegno dal tema: “La biodiversità del vitigno Vitovska sul territorio della provincia di Trieste”. All’incontro ‐ moderato da Aurora Endrici donna del vino Friuli Venezia Giulia ed esperta di comunicazione ‐ prenderanno parte alcuni tra i più interessanti esponenti del mondo vinicolo friulano e giuliano, con una particolare testimonianza di Veit Heinichen, scrittore di origine tedesca che ha scelto il Carso ed i prodotti di questa terra come scenario di molti suoi scritti tradotti in tutto il mondo.

I regali spazi del Castello di Duino si apriranno al pubblico dalle ore 18.00 quando avrà inizio la degustazione delle Vitovske proposte dagli oltre venti produttori del Carso; il pubblico avrà la rara opportunità di approfondire la conoscenza di questo vitigno abbinandolo ad assaggi di prodotti tipici del territorio ‐ dai formaggi, al miele, all’extra vergine e al pesce presentato dal Consorzio Ittico del Golfo di Trieste. Imperdibili inoltre le creazioni di piatti di mare della cucina triestina, interpretata da alcuni dei più prestigiosi chef del territorio che affiancheranno i vignaioli: ogni produttore infatti ospiterà al tavolo un ristoratore che abbinerà una sua ricetta alla Vitovska presentata.
La serata culminerà alle ore 22.00 con lo spettacolo “TerraZemlja” della compagnia teatrale Pupkin Kabarett, un percorso comico, musicale e letterario sulle eccellenze della terra triestina, ideato e creato per l’occasione dal più geniale gruppo comico giuliano e che avrà luogo nell’ampia corte del Castello.

Mare e Vitovska al Castello di Duino TSCome si può fare uno spettacolo che parli dei prodotti del territorio?
Questa è la domanda che si sono posti gli attori della compagnia del Pupkin Kabarett. La risposta che sono riusciti a darsi è che ci sono storie che non possono essere raccontate, certe storie vanno innanzitutto capite, o almeno parzialmente comprese. Vanno capite le origini, i sacrifici e le intuizioni di persone che con il loro lavoro hanno contribuito ad allargare le eccellenze della loro terra. Una terra particolare e difficile sia dal punto di vista storico, morfologico e geologico. Forse è proprio nella difficoltà che l’uomo si ingegna, e con le dovute proporzioni anche una compagnia di comici cerca di ingegnarsi quando si trova a dover affrontare un tema non astratto ma estremamente concreto. Il trucco forse è quello di non entrare mai nello specifico ma cercare di mettere soltanto in evidenza la storia, la filosofia dei protagonisti, il territorio e soprattutto le contraddizioni che rendono unica questa lingua di terra immersa tra cielo e mare. Una serata all’insegna del buon “gusto” e dell’eleganza, con l’ ironia e il sarcasmo che contraddistingue la band teatrale più attiva e instabile della Venezia Giulia. Uno spettacolo dal mood scanzonato e informale condito da musica, racconti e sketch irriverenti. Con la compagnia Pupkin Kabarett del Teatro Miela di Trieste: Laura Bussani, Stefano Dongetti, Alessandro Mizzi, Ivan Zerbinati e la partecipazione di Lara Komar, Stefano Bembi (fisarmonica), Antonio Kozina (violino).

Elenco dei produttori presenti:

  • Bajta – Skerlj Andrej
  • Bole Andrei
  • Colija Jožko
  • Černic Nataš
  • Čotar Vasja in Branko (Gorjansko, Komen
  • Fagiani Giusto
  • Ferfoglia Andre
  • Ferluga Silvano
  • Grgič Igor
  • Kante Edi
  • Kocjančič Rad
  • Lisjak Boris (Dut
  • Lupinc Matej
  • Milič Andrej (Z
  • Milič Stanko
  • Ostrouška Ale
  • Parovel Vigneti e Olive
  • Šavron Roberto
  • Škerlj Kristina e Matej
  • Škerk Sandi e Boris
  • Tretiach Alessandro
  • Vina Štoka (Krajna vas, Duto
  • VinaKras z.o.o. (Sežana ‐ Slovenia)
  • Vodopivec Paolo
  • Zidarich Benjamin

VIDEOINTERVISTA A PETER BRUNEL
Stella Michelin, guide gastronomiche, cucina molecolare
e prodotti trentini

Thursday, May 13th, 2010

brunelAlta cucina. E’ questo l’argomento che Trentino Cult (la rubrica di videointerviste di TrentoBlog) vi propone questa settimana e lo fa in compagnia di uno chef altoatesino ben conosciuto anche ai lettori di WineBlog: Peter Brunel.

Nel corso della videointervista Brunel ci parla della sua carriera, della stella Michelin ottenuta e “persa” nel giro di poco tempo, della sua esperienza al Ristorante Chiesa (TN) ed infine del suo attuale anno sabbatico. Un parere poi, sui giudizi delle guide gastronomiche e sulle polemiche sollevate in merito alla cucina molecolare.

Clicca qui per vedere la video intervista a Peter Brunel