Archive for the ‘Spumanti’ Category

LE MIGLIORI BOLLICINE ITALIANE A ROMA
4 dicembre, con Sparkle Bere Spumante 2011

Friday, December 3rd, 2010

Si danno appuntamento nella capitale, il prossimo 4 dicembre le più grandi ed importanti aziende di bollicine italiane, nella magnifica location dell’Hotel Saint Regis Grand situato nel pieno centro di Roma, una kermesse in cui i veri ed unici protagonisti saranno spumanti, TrentoDoc, Alto Adige, Oltrepò Pavese, Conegliano Valdobiadene Prosecco Superiore e Franciacorta, tutti rigorosamente made in Italy.

L’evento Sparkle 2011 sarà interamente aperto al pubblico, ogni azienda avrà un proprio banco di assaggio e tutti i presenti potranno partecipare alla degustazione di bollicine a partire dalle ore 16,30.

La manifestazione è organizzata dalla rivista Cucina & Vini – il magazine di cultura enogastronomica in edicola da ben 11 anni – in collaborazione con Athenaeum Ateneo dei sapori e oltre ad essere un’occasione unica per poter degustare il meglio della produzione nazionale, l’evento terrà a battesimo anche la nona edizione dell’ormai storica guida “Sparkle – Bere Spumante 2011”.

Si dice contento e soddisfatto, Francesco D’Agostino – direttore della rivista Cucina & vini e curatore della guida – “I due anni precedenti abbiamo scelto Milano per tenere a battesimo la guida e per organizzare l’evento Sparkle, ma quest’anno – che per noi è stato caratterizzato da cambiamenti importanti e decisivi – siamo voluti tornare a Roma che è la nostra città, quella in cui è nata la rivista, la guida e dove da sempre lavoriamo. Non dimentichiamo poi che la Capitale è il mercato più importante del Paese e che una manifestazione del genere può avere interessanti risvolti commerciali per le aziende”.

L’evento è ovviamente legato alla guida “Sparkle – Bere Spumante 2011” che quest’anno è arrivata alla sua nona edizione. La guida è il frutto di un lavoro di gruppo durato quasi un anno nel corso del quale il panel di degustatori, capitanato da Francesco D’Agostino, ha degustato più di 2000 etichette selezionandone 746 per l’inserimento in guida, ben 25 in più rispetto allo scorso anno.

Per quanto riguarda la tendenza generale, le luci della ribalta brillano anche quest’anno per Franciacorta con ben 228 etichette in guida – 10 in più rispetto al 2010 – e per Conegliano Valdobbiadene con un incremento di 30 etichette rispetto all’edizione passata, per un totale di 201 vini in guida.
Ciò che emerge dalla guida è un quadro estremamente positivo della nostra produzione spumantistica avvalorato ancor di più da un generoso elenco di etichette a cui è stata riconosciuta l’eccellenza con il simbolo delle 5 sfere, per un totale di 39 premiati. Il podio dei migliori se l’aggiudica la Lombardia con 13 premiati, seguita da Trentino con 9 e dal Veneto con 8.

Per quanto riguarda la struttura della guida, non c’è nessuno stravolgimento rispetto al volume precedente quindi ogni etichetta è rappresentata da una scheda nella quale vengono riportate tutte le maggiori caratteristiche del vino come l’uvaggio, il metodo di vinificazione e le caratteristiche organolettiche. Quei vini che si distinguono per un rapporto prezzo/prestazione in guida particolarmente conveniente sono evidenziati mediante il simbolo del salvadanaio. Non manca l’etichetta a colori e neppure l’abbinamento cibo, suggerendo dei veri e propri piatti, elementi questi che rendono la guida unica nel suo genere.

“ELABORATO MA MOLTO NATURALE”
Qualche parola sulla spumantizzazione Metodo Classico

Tuesday, September 28th, 2010

bollicine-metodo-classicoPochi giorni fa, assieme a Luca Ricci, produttore di grandi vini a Collalto di Susegana in provincia di Treviso, e Fabio Bigolin enologo “già noto” a Wineblog.it, siamo andati a controllare lo stato di maturazione delle uve di un vigneto in vista della vicina vendemmia. Si vendemmia così presto?Sì, se l’obbiettivo è quello di produrre uno spumante “Metodo Classico”, le uve vengono raccolte quando l’acidità è ancora piuttosto evidente.” Mi risponde Fabio.

Siamo arrivati. Il vigneto si trova ai margini della città di Belluno e gode di una suggestiva visuale su montagne vicinissime, è abbastanza ripido, in ottima esposizione. I vitigni messi a dimora sono i classici della Champagne, quindi, il Pinot Nero che dovrà portare nerbo e austerità, lo Chardonnay che aggiungerà classe ed eleganza ed infine il Pinot Meunier che regalerà le morbide note fruttate. Lo spumante si chiamerà “Dòna”, dedicata a Donatella, la dinamica moglie di Luca Ricci.

Parlando con Fabio che avrà il delicato compito di vinificare e quindi di scegliere il giusto stadio di maturazione della materia prima a cui seguirà nella prossima primavera la rifermentazione in bottiglia e la successiva permanenza sui lieviti per il tempo prestabilito. Poi la sboccatura, un periodo di affinamento in bottiglia e finalmente si può stappare per brindare a qualcosa di importante. Già che siamo in argomento chiedo a Fabio cosa succede all’interno della bottiglia dopo che vi è stata aggiunta una miscela di zucchero di canna, lieviti?Lo zucchero addizionato è generalmente di 24 g/l, generando così una sovrapressione di 6 atm (da 4 g di zucchero si forma una atmosfera). I lieviti trasformano gli zuccheri in alcol etilico e anidride carbonica che non potendo fuoriuscire si discioglie nel vino; inoltre i lieviti arricchiscono il vino di aromi e sapori. Oltre a dare vita all’ effervescenza, tali lieviti formano dei depositi che non si devono attaccare alle pareti interne della bottiglia e quindi le bottiglie, durante l’affinamento, vanno “scosse” un paio di volte all’anno. Dopo circa sei mesi lo zucchero si è completamente trasformato in anidride carbonica ed alcool. Successivamente i lieviti vanno incontro ad autolisi restituendo allo spumante ciò che avevano sottratto e trasformato arricchendolo di profumi e di sentori di lievito dandogli quello stile inconfondibile. Per ottenere questo, la bottiglia viene coricata affinché vi sia una buona superficie di lieviti a contatto con il liquido e l’affinamento deve essere lungo in modo da formare bollicine persistenti, numerose e dalla grana fine. Ricordiamoci che in tutta la durata del ciclo la bottiglia verrà aperta solo per la sboccatura, per pochi secondi, qualche mese prima dell’uscita sul mercato”.

Ma durante questo periodo che può durare alcuni anni cos’è che tiene in vita il vino, o meglio, c’è qualcosa che lo protegge?
L’alcol, l’anidride carbonica, l’acidità ma soprattutto le sostanze naturali ad effetto stabilizzante ed “antibiotico” liberate nel tempo dai lieviti.

Grazie per la lezione Fabio“.

Sintetizzando, nel “ Metodo Classico ” c’è un intervento importante dell’uomo, ma in definitiva si potrebbe definire: “Elaborato, ma molto naturale”.

Paolo Ianna

‘PRÒ’ – PROSECCO SPUMANTE
E ‘PROS ECCO’ – PROSECCO FRIZZANTE
Intervista audio a Paolo Tomasella
e Michele Mazza

Monday, July 12th, 2010

prosecco tenute tomasellaChe cosa vuol dire produrre un Prosecco al giorno d’oggi?

Significa ricavare un vino trasversale che sappia rispondere alle attuali esigenze di modernità con il rigore della tradizione. Una vera e propria sfida che Tenute Tomasella ha interpretato a modo suo, con originalità ed allo stesso tempo nel profondo rispetto del prodotto.

Paolo Tomasella e Michele Mazza, nel corso dell’audiointervista raccontano ai microfoni di WineBlog le scelte fatte sia per la coltivazione dell’uva che nella lavorazione dei due Prosecchi di Tenute Tomasella: il Prò – Prosecco Spumante ed il Pros Ecco – Prosecco Frizzante.

Scarica il catalogo dei vini di Tenute Tomasella.

Ascolta l’intervista a Paolo Tomasella (3′21” 3,08 Mb)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Intervista di Andrea Bianchi

Per maggiori informazioni:
Tenute Tomasella
Via Rigole, 51
31040 Mansuè (TV)
Tel e Fax. +39 0422850043
cantina@tomasella.it

AZZARDA CON OSÈ, LO SPUMANTE ROSATO DI TENUTE TOMASELLA
Intervista audio a Paolo Tomasella ed Annette Lizotte

Tuesday, June 1st, 2010

oseOsè di nome e di fatto!

Lo spumante rosato di Tenute Tomasella è nato come una sfida: proporre un vino frizzante, dolce da poter abbinare a dei piatti salati. Una sfida che Tenute Tomasella ha superato pienamente ottenendo delle bollicine che non temono abbinamento e che anzi si prestano elegantemente ad accompagnare numerosissimi piatti.

Nel corso dell’audiointervista Paolo Tomasella racconta come si è sviluppato il progetto Osè , mentre la sommelier Annette Lizotte propone degli abbinamenti allo stesso tempo eleganti ed audaci.

Provare per credere…

Ascolta l’audiointervista a Paolo Tomasella ed Annette Lizotte (6′44′ 6,17Mb)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Scheda tecnica di Osè.

Intervista di Andrea Bianchi

Per maggiori informazioni:
Tenute Tomasella
Via Rigole, 51
31040 Mansuè (TV)
Tel e Fax. +39 0422850043
cantina@tomasella.it

TRENTINO WINE
Lunedì 29 marzo a Palermo

Sunday, March 28th, 2010

trentinowineDegustazioni, seminari ed incontri. Il capoluogo siciliano ospita e fa conoscere la terra del Trentino attraverso i suoi vini, le sue grappe e i suoi produttori. Il “Trentino Wine” fa tappa a Palermo, un appuntamento con il gusto e i sapori di questa Provincia del nord Italia, che si svolgerà il prossimo lunedì 29 marzo, dalle 17 alle 23, nei locali dell’Hotel Villa Igiea Hilton (Salita Belmonte 43) e che sarà anticipato, esclusivamente per i giornalisti invitati, da un aperitivo di presentazione che verrà offerto alle 12.

Un’occasione per far conoscere agli esperti, agli appassionati e ai semplici curiosi, una selezione di 51 vini e 10 Trentino Grappa d’eccellenza, nel corso di degustazioni e wine tasting che si svolgeranno nella Sala Belle Epoque dell’albergo e a cui prenderanno parte i produttori di 30 cantine e 10 distillerie della zona. Contestualmente, nella vicina Sala Basile, troveranno spazio gli approfondimenti monotematici di tre diversi seminari-degustazione, in cui winemaker e giornalisti aiuteranno il pubblico ad orientarsi in questo territorio di montagna. Si comincerà alle 18 con “Le età del Trentodoc” – Laboratorio del Gusto Slow Food; alle 20 l’Associazione Italiana Sommelier presenterà Müller Thurgau, Marzemino e Teroldego rotaliano, tre autoctoni del Trentino; ed infine, alle 21.30, si discuterà della Trentino Grappa con gli esperti dell’Anag (Associazione Nazionale Assaggiatori Grappa ed Acqueviti).

I vigneti trentini si estendono su una superficie di 10.000 ettari, con un’altitudine che varia dai 200 agli 800 m s.l.m. Oltre il 70% dei vini prodotti nella regione sono Doc e un cenno particolare va al Trentodoc metodo classico, un vero e proprio vanto della produzione che rappresenta più del 35% di quella nazionale. Per le bollicine di montagna, infatti, si è appena chiuso un 2009 esaltante: ben due etichette si sono aggiudicate il titolo di miglior spumante d’Italia sulle più prestigiose guide di vini nazionali, sono nate sei nuove etichette e il novero dei produttori si è arricchito con l’ingresso di una nuova casa spumantistica.
I laboratori di degustazione sono su prenotazione, fino ad esaurimento posti.

UN PO DI BOLLICINE
Domenica 14 marzo

Friday, March 5th, 2010

bollicineL’Oltrepò Pavese, da sempre una terra di confine, spesso in passato incompresa e sottovalutata dal punto di vista enologico, ma dalla grande vocazionalità vitivinicola, oggi è uno dei territori emergenti nella produzione di spumanti italiani di qualità. La Delegazione dell’Associazione Italiana Sommeliers di Gubbio dedica domenica 14 marzo un’intera giornata alla scoperta degli spumanti di qualità di una zona vinicola ricca di mille sfaccettature. Con la partecipazione del Consorzio di Tutela dei Vini dell’Oltrepò Pavese e di oltre quaranta aziende e cantine del comprensorio, l’AIS Umbria farà scorrere un fiume di bollicine, o meglio di pregiatissime bolle, presso il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio.

La manifestazione Un PO di bollicine, aperta a tutti gli appassionati, si svolgerà dalle ore 11,00 alle ore 21,00 di Domenica 14 marzo 2010, con banchi di assaggio guidati dai sommeliers e dagli stessi produttori; in programma anche un’interessante tavola rotonda dal titolo “L’oltrepò pavese: storia di un territorio emergente”, con la presenza di operatori del settore, che racconteranno come si vive il vino dalle parti del “grande fiume”.

L’ORO E LE BOLLICINE
Polenta della Valsugana e TRENTODOC

Tuesday, December 1st, 2009

Bollicine con gusto” è un ciclo di appuntamenti dedicati alla preparazione di altrettante ricette da abbinare alle bollicine trentine. In compagnia di uno chef e di un sommelier gli ospiti dell’Enoteca del Trentino scopriranno i tanti piccoli segreti che contribuiscono a fare di una semplice ricetta un piatto speciale. Giovedì 17 dicembre, alle 18.00, in occasione dell’ultimo incontro, sarà protagonista la polenta della Valsugana in un’elegante quanto gustosa preparazione. In abbinamento? Le note fresche e frizzanti delle nostre bollicine. “Tradizione nel piatto e bollicine nel bicchiere. L’oro della Valsugana e il TRENTODOC, interpreti del gusto trentino”, questo il titolo dell’appuntamento, durante il quale raccogliere qualche suggerimento utile nella preparazione domestica di piatti o antipasti da abbinare alle bollicine nei giorni di festa ormai alle porte.

Gli appuntamenti di “Bollicine con gusto” sono organizzati nella sede di Palazzo Roccabruna da Accademia d’Impresa, azienda speciale della Camera di Commercio che si occupa di formazione in campo turistico e commerciale; ingresso libero, è gradita la prenotazione tel. 0461/887101).

BOLLICINE D’ITALIA
Degustazione di grandi Vini Spumanti

Tuesday, December 1st, 2009

BOLLICINE DITALIALe migliori bollicine del Gambero Rosso nel più grande party di Natale alla Città del Gusto di Napoli. Napoli, domenica 20 dicembre 2009 per Bollicine d’Italia , un viaggio da Nord a Sud attraverso i migliori vini frizzanti prodotti nel nostro Bel Paese.
Domenica 20 dicembre, dalle 20 alle 24, le più interessanti etichette di bollicine, selezionate dagli esperti del Gambero Rosso tra migliaia di produzioni, saranno in degustazione accanto ai più classici prodotti delle tavole delle feste: dai torroni artigianali dell’antica azienda Di Iorio che conquistano da sempre èlite di intenditori, ai preziosi assaggi gourmet dell’azienda Caviar Import che attraverso il marchio Iran Darya si è distinta divenendo l’unica importatrice diretta di caviale iraniano ed altre specialità in Italia per un happening in perfetto Christmas style.
Tra una flute e un’altra ci si potrà tuffare in fitti perlage e meravigliosi bouquet, tra luci, colori e suoni di festa, aspettando il Natale a Città del Gusto tra degustazioni esclusive, grandi eventi e corsi di cucina, wine e lounge bar: ogni appuntamento della Città del Gusto di Napoli è un’esperienza. Gli eventi propongono il meglio dell’enogastronomia nazionale; i corsi comprendono lezioni monografiche ed amatoriali e approfondimenti per veri professionisti della cucina.

Info:
e-mail: info@cittadelgusto.it
tel. 06 55 11 23 00

Città del gusto,
via Enrico Fermi, 161
Roma (zona Marconi)

SPARKLE
Bere spumante 2010

Monday, November 30th, 2009

sparkleOttava edizione per la guida Sparkle Bere Spumante 2010 edita da Cucina&Vini che per il secondo anno consecutivo ha scelto Milano e la centralissima location di Palazzo Mezzanotte per presentarsi al grande pubblico il prossimo 1° dicembre. Ma la presentazione della Guida sarà un momento di “Sparkle 2010” una manifestazione interamente dedicata alle bollicine italiane di qualità. Un centinaio di aziende italiane – tra le quali ricordiamo Andreola, partner di WineBlog  – per un totale di oltre trecento etichette in degustazione per un gala effervescente ricco di interessanti appuntamenti.

Nel corso della giornata Francesco D’Agostino, curatore della Guida, e Alessandro Brizi, vice curatore, terranno tre interessanti seminari di approfondimento dedicati alle zone più rappresentative della nostra produzione spumantistica in collaborazione con i rispettivi Consorzi di Tutela. “Franciacorta Millesimato 2005: una vendemmia a 5 stelle”, “Oltrepò Pavese Metodo Classico DOCG: il Cruasé” e “Conegliano Valdobbiadene: al via la DOCG” saranno i temi dei tre seminari (a numero chiuso, è necessaria la prenotazione).

Alle 16.00 riflettori puntati sulla guida Sparkle Bere Spumante 2010 e sulle 29 etichette – tra i quali il Valdobbiadene Prosecco “Superiore di Cartizze” Spumante Dry (Andreola) – che quest’anno si sono aggiudicate le cinque sfere, simbolo di eccellenza.

La manifestazione apre i battenti per operatori e stampa alle ore 14, mentre l’ingresso al pubblico è previsto a partire dalle ore 15,30 sino alle ore 22,30.
20 euro il ticket d’ingresso per gli appassionati, 12 euro per gli iscritti ad associazioni enogastronomiche (AIS, FISAR, ONAV, SLOW FOOD, etc.) e comprende una copia della Guida Sparkle 2010.

Dopo il successo della passata edizione, anche quest’anno “Sparkle” intende essere il Gala dei migliori Spumanti secchi, un settore in costante crescita qualitativa e numerica confermata dai dati di esportazione in aumento.
Bere e brindare italiano non è mai stato così piacevole…

Per informazioni:
Cucina & Vini Editrice

Valentina Venturato
Tel: +39 06 227581
E-mail: venturato@cucinaevini.it

BOLLICINE SU TRENTO
Lo spumante va in scena

Thursday, November 26th, 2009

Bollicine_locandinaRitorna l’appuntamento con “Bollicine su Trento”, la manifestazione dedicata al TRENTODOC organizzata dalla Camera di Commercio di Trento e da Trentino S.p.A., che dal 26 novembre al 13 dicembre 2009 animerà le sale dell’Enoteca provinciale del Trentino a Palazzo Roccabruna, con eventi enogastronomici, degustazioni e approfondimenti all’insegna dell’eleganza e dell’esclusività del metodo classico trentino.

Il 26 novembre la cerimonia di inaugurazione (ore 17.30) darà il via ad un programma ampio e ricco di appuntamenti, che accompagnerà appassionati e curiosi in un viaggio alla scoperta di uno dei prodotti di punta della vitivinicoltura trentina e nazionale.

Ospite d’onore dell’edizione 2009 sarà il Teatro stabile di innovazione “L’Uovo” de L’Aquila che proporrà uno spettacolo teatrale dal titolo “Bollicine in scena”: un mix di luce, colori, musiche e coreografie ispirate ai brindisi più celebri della storia del cinema che nel periodo dell’evento coinvolgerà gli spettatori in un percorso lungo le sale del Palazzo, concluso da degustazioni di TRENTODOC e piatti della tradizione aquilana. Si consolida così un’amicizia fra L’Aquila e Trento che in più occasioni ha dato prova di grande intensità e che si propone non solo di sottolineare la versatilità delle bollicine trentine – abbinamento ideale con i grandi piatti della cucina italiana – ma anche lo stretto rapporto che lega l’arte in tutte le sue manifestazioni, dalle eleganti movenze sceniche di una raffinata performance teatrale ad un esclusivo prodotto enologico.

Fra le tante iniziative di interesse (approfondimenti enogastronomici, degustazioni guidate, abbinamenti fantasiosi) merita di essere ricordata anche la tavola rotonda del 27 novembre ad ore 15.30, dal titolo “Trentodoc: bollicine d’autore. Carattere, eleganza ed esclusività del metodo classico trentino”, con la partecipazione di giornalisti della TV (Philippe Daverio – Passepartout RAI3) e della carta stampata nazionale (Licia Granello – La Repubblica; Marco Sabellico – Gambero Rosso), per approfondire i temi del legame prodotto-territorio e del posizionamento del Trentodoc quale espressione di uno stile di vita improntato all’eleganza e all’esclusività.

Non mancherà poi la possibilità di degustare autonomamente tutta la collezione del TRENTODOC, comprese le più recenti novità, che arricchiscono con nuove sfumature di sapori e profumi l’ampia collezione delle bollicine trentine. Da non perdere il laboratorio di sabato 28 novembre ad ore 11.30 condotto da Marco Sbellico (Gambero Rosso) che guiderà gli ospiti alla scoperta delle annate pregiate di TRENTODOC (“Cosa c’è di ancora giovane? Vecchie annate di Trentodoc”; ingresso libero su prenotazione: tel. 0461/887101 a partire dal 23 novembre).

Orari degustazioni:
Dal 26 novembre al 13 dicembre 2009
Giovedì e venerdì dalle 17.00 alle 21.00
Sabato e domenica dalle 11.00 alle 21.00
7 e 8 dicembre dalle 11.00 alle 21.00


PROSECCO ANDREOLA: nastri d’oro, d’argento e riconoscimenti di merito al Forum Spumanti d’Italia

Monday, August 31st, 2009

spumanti.jpgIl Prosecco di Valdobbiadene firmato Andreola continua a ricevere riconoscimenti importanti. Gli ultimi meriti saranno conferiti in occasione del V° Forum Spumanti d’Italia che si terrà dal 4 al 7 settembre a Valdobbiadene.

L’intervista che oggi vi proponiamo, realizzata da Jessica Ceotto a Stefano Pola, descrive le particolarità della manifestazione, le modalità di selezione e premiazione da parte della giuria e l’importanza che questi riconoscimenti assumono per l’Azienda Andreola. A tal proposito il produttore veneto esprime il proprio parere in merito al dibattito pochi mesi fa lanciato da WineBlog e relativo all’importanza assunta dai concorsi enologici per le aziende produttrici di vino: partecipare o meno? Per Andreola la risposta è evidentemente sì, Stefano Pola ci spiega il perchè.

Ascolta l’intervista a Stefano Pola (6′06” 5,59 Mb)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.