I GRANDI CAPOLAVORI DEI PICCOLI DEL TRENTO D.O.C. Intervista audio ad Aurora Endrici

Teatro Sociale - fonte: Trentino.itI grandi capolavori del Piccoli Produttori del Trento Doc sotto i riflettori di uno speciale laboratorio organizzato da Aurora Endrici – governatrice Slow Food per la didattica Italia – come parte del programmazione della 73esima edizione della Mostra dei Vini del Trentino.
Un laboratorio che si affianca ad un secondo incontro dedicato invece ai Marzemini ed alle caratteristiche che a seconda della zona di produzione distinguono le diverse tipologie prodotte nella regione trentina.

Nel corso dell’intervista audio Aurora, oltre a descrivere l’importanza ed i contenuti dei due laboratori, spiega il ruolo che Slow Food- da sempre attenta alla valorizzazione del territorio e delle dinamiche storiche che influiscono sulla qualità dei prodotti – ha avuto nella loro ideazione ed organizzazione.

Ascolta l’intervista ad Aurora Endrici (7′13” 7,47 Mb)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Intervista di Jessica Ceotto

2 Responses to “I GRANDI CAPOLAVORI DEI PICCOLI DEL TRENTO D.O.C. Intervista audio ad Aurora Endrici”

  1. Edo says:

    Mi piace l’idea che un produttore possa essere grande non per numero di bottiglie prodotte, ma per qualità… il Trentodoc dovrebbe privilegiare maggiormente a parer mio questa politica di promozione.

  2. Sara says:

    Anche secondo me è un’ottima strada da percorrere anche perchè i tempi stanno cambiando, la gente si è stancata del grande marchio conosciuto da tutti, indiscutibilmente buono e dal quale si sa sempre cosa aspettarci…un po’ alla volta sta tornando il gusto del prodotto “artigianale”, delle merci prodotte a poche unità, del particolare, del non immediatamente acquistabile. E’ molto bello e soddisfacente il fatto di dover aspettare per degustare un prodotto che non si ha a portata di mano e che si deve cercare. Una pratica largamente diffusa nel passato ma che oggi, sebbene con ragioni diverse, sta un po’ alla volta tornando in vita.