LA 1° EDIZIONE DI ‘STORIE DI ULIVETI & PASCOLI’ DA IL VIA AD UN PERCORSO PROMOZIONALE DELLE RICCHEZZE LOCALI

slowLa rassegna ‘Storia di Uliveti & Pascoli‘, svoltasi durante l’ultimo week-end a Pontelandolfo, in provincia di Benevento, ha centrato gli obiettivi. La prima edizione della manifestazione dedicata all’olio extravergine di oliva ed al formaggio pecorino locale si è voluta segnalare come un primo passo di un importante percorso di conoscenza e promozione delle due ricchezze, che rappresentano il fiore all’occhiello del ricco bacino gastronomico di Pontelandolfo.

Da segnalare i percorsi degustativi, che hanno visto protagonisti gli extravergini prodotti dalla cultivar Ortice dalle aziende di Carmela Leone e Gianfranco Rinaldi. Nel corso di un gioco-didattico, condotto dal responsabile formazione di Slow Food Campania Giuseppe Orefice, sono state apprezzate le peculiarità dei pregiati extravergini che si ottengono dall’Ortice, varietà dominante il paesaggio agrario pontelandolfese. Ad esaltare questi extravergini il pane cotto nel forno a legna ed i fagioli locali, mentre gli abbinamenti con vini Falanghina ed Aglianico rosato sono stati sapientemente illustrati dai rappresentanti sanniti dell’Associazione Italiana Sommelier, Maria Grazia De Luca e Michele Giordano. Ed è stata proprio la collaborazione di AIS e Slow Food a garantire la giusta partenza della manifestazione, che vuole essere non solo una vetrina di queste eccellenze, ma un costante momento di confronto, utile per un continuo miglioramento delle produzioni locali.

Altro momento centrale di questa due giorni è stato l’importante convegno sul tema ‘Extravergine e non solo – I segreti di un prodotto di qualità tra salute, territorio e gastronomia’. L’incontro è stato chiuso dalla presentazione di un importante lavoro condotto presso l’Università degli Studi di Salerno. Ad illustrare i dati della ricerca è stato il professore Giorgio Donsì, titolare della cattedra di Impianti chimici presso l’ateneo salernitano. Donsì, prendendo spunto dai concetti illustrati dagli altri partecipanti al convegno, ha voluto focalizzare l’attenzione soprattutto sull’importanza del lavoro di laboratorio, rimarcando che un buon prodotto non mostra paura per le analisi che, certificando la bontà dello stesso, rappresentano un elemento utile per guadagnare consumatori. Prima del professore Donsì, è intervenuto il nutrizionista Antonio Vacca che, partendo dalle intemperie alimentari che allontano dal modello alimentare mediterraneo, caratterizzato da vegetalità , sobrietà e convivialità , ha parlato della necessità di costruire una “identità”, con i cibi non più visti come semplici pezzi di gastronomia, bensì come pass-partout di un territorio. Ad aprire l’incontro è stato il saluto del coordinatore del Gal Titerno Nicola Ciarleglio, il quale ha parlato delle eccellenze olearie che caratterizzano il territorio titernino, segnalando la fascia che da Faicchio giunge proprio a Pontelandolfo, passando per San Lorenzello e Cerreto Sannita e per San Lupo, San Lorenzo Maggiore e Casalduni. A concludere il convegno, il saluto del sindaco Cosimo Testa, che dopo aver ringraziato i partecipanti per il contributo portato all’evento, ha parlato degli sforzi degli agricoltori locali e del supporto che la squadra amministrativa darà al percorso di promozione.

Oltre ai momenti tecnici, la manifestazione ha proposto nel corso delle due serate una ricca offerta gastronomica con protagonisti gli oli extravergine di oliva delle aziende già citate e delle realtà produttive di Carmela Lombardi e Teresa Tammaro. Insieme agli oli i formaggi locali, con la ricca produzione del caseificio Sannio Lat. In particolare va segnalata la dimostrazione consumatasi nella serata di sabato, con Franco Rinaldi e la moglie Serianna Mancini, impegnati a mostrare il percorso produttivo di formaggio e ricotta. Ad esaltare gli oli ed i formaggi sono state le verdure e gli ortaggi dell’azienda agricola Elda Guerrera.

‘Storie di Uliveti & Pascoli’ è stata la prima tappa della ricca ‘Settimana Folkloristica‘, che quest’anno raggiunge la quarantanovesima edizione. La rassegna è stata organizzata dalla Pro Loco di Pontelandolfo, con il supporto organizzativo dell’AIS e della condotta Slow Food Fortore-Tammaro e con il contributo dell’Amministrazione Comunale, del Gal Titerno e della Camera di Commercio di Benevento.

La manifestazione – dichiara il presidente della Pro Loco, Nicola Diglio – ha centrato i risultati, facendo intuire la necessità di allestire nel corso degli anni un valido appuntamento capace di attrarre tanti viaggiatori del territorio a Pontelandolfo e creando, attraverso momenti tecnici, un valido supporto tecnico al processo di crescita delle aziende locali”.

“Siamo molto soddisfatti – sottolinea il coordinatore dell’evento, Antonio Lese – di questo primo passo, che ha suscitato molta attenzione ed ha soprattutto favorito un momento di aggregazione fra i diversi produttori. Siamo infatti consapevoli che solo facendo sistema si raggiungeranno importanti risultati promozionali, capaci di dare impulso anche a nuovi sbocchi commerciali, cosa quanto mai importante in un momento caratterizzato da diversi punti critici. Sono questi gli obiettivi che ‘Storie di Uliveti e Pascoli’ si propone. E siamo convinti che con il contributo di tutti il percorso si concretizzerà”.

Fonte: Pasquale Carlo

Tags: , , , ,

Comments are closed.