Posts Tagged ‘Campania’

GIOVEDI’ 9 SETTEMBRE AL VIA
LA XXXIII FESTA DELL’UVA

Wednesday, September 8th, 2010

arte (micro) copia

Giovedì 9 settembre 2010, prenderà il via la XXXIII Festa dell’Uva di Solopaca, in provincia di Benevento.

L’appuntamento rientra nella rassegna “Tra Cantine e Borghi d’Arte” (direttore artistico Puccio Corona), un protocollo d’intesa tra Provincia di Benevento, l’Ept di Benevento ed i comuni di Castelvenere, Guardia Sanframondi, Sant’Agata de’ Goti, Solopaca e Torrecuso, varato con l’intento di promuovere e valorizzare le iniziative enogastronomiche di queste cittadine accomunate da una consolidata tradizione vitivinicola.

Ad aprire questa tornata 2010 saranno due mostre e la presentazione di un libro, tutti in programma dalle ore 19 al Meg (Museo enogastronomico di Solopaca).

La prima riguarderà un’esposizione fotografica a cura di Antonio Iadonisi, laureato in Conservazione dei beni culturali ed appassionato di storia locale, dal titolo “Solopaca nel Tempo: memoria storica per immagini”, che ripercorrerà la storia del paese attraverso gli scatti, in gran parte inediti, che sono stati raccolti tra le varie famiglie del posto.

Un viaggio, quindi, nel tempo per apprezzare luoghi e personaggi di Solopaca negli ultimi 130 anni. E così si potranno ammirare anche monumenti storici ormai scomparsi, momenti importanti della storia solopachese come, tra gli altri, la tradizionale discesa della Madonna del Roseto, la posa della prima pietra del palazzo del Comune, le processioni di penitenza in occasione dell’epidemia spagnola del 1918 ed i festeggiamenti per i 50 anni dell’unità d’Italia.

La seconda, invece, avrà per titolo “Vite”, una serie di opere d’arte contemporanea dell’artista Giuliana Iannotti; mentre, la presentazione del libro si riferirà al testo “Sul piatto della Bilancia” della dottoressa Lina Rabuano. Completerà il cartellone della prima giornata della Festa dell’Uva lo spettacolo “Danze dei chicchi”, alle ore 21 in Piazza Belvedere.

Il tema scelto per questa edizione della Festa dell’Uva è “A spasso nel tempo”, un soggetto sul quale i maestri carraioli stanno allestendo, con migliaia di chicchi d’uva bianca e nera, i dieci carri allegorici che, con i sei pannelli ed il corteo storico, sfileranno per le strade del paese dalle ore 9.30 di domenica 12 settembre. Nella stessa giornata, alle ore 22.00, ci sarà il concerto di Enzo Avitabile & Bottari.

La manifestazione solopachese, organizzata dalla Pro Loco, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, l’Associazione Maestri Carraioli e la Cantina Sociale di Solopaca, si chiuderà giovedì 16 settembre con la tradizionale serata in cantina per la premiazione dei carri e l’estrazione dei biglietti vincenti della lotteria.

Per saperne di più telefonare alla Pro Loco di Solopaca allo 0824 977659, oppure visitare i siti internet www.festadelluvasolopaca.it e www.prolocosolopaca.it.

Fonte: Sandro Tacinelli – Ufficio stampa: XXXIII Festa dell’Uva
E-mail:
sandrotacinelli@tin.it

LA 1° EDIZIONE DI ‘STORIE DI ULIVETI & PASCOLI’ DA IL VIA AD UN PERCORSO PROMOZIONALE DELLE RICCHEZZE LOCALI

Tuesday, August 3rd, 2010

slowLa rassegna ‘Storia di Uliveti & Pascoli‘, svoltasi durante l’ultimo week-end a Pontelandolfo, in provincia di Benevento, ha centrato gli obiettivi. La prima edizione della manifestazione dedicata all’olio extravergine di oliva ed al formaggio pecorino locale si è voluta segnalare come un primo passo di un importante percorso di conoscenza e promozione delle due ricchezze, che rappresentano il fiore all’occhiello del ricco bacino gastronomico di Pontelandolfo.

Da segnalare i percorsi degustativi, che hanno visto protagonisti gli extravergini prodotti dalla cultivar Ortice dalle aziende di Carmela Leone e Gianfranco Rinaldi. Nel corso di un gioco-didattico, condotto dal responsabile formazione di Slow Food Campania Giuseppe Orefice, sono state apprezzate le peculiarità dei pregiati extravergini che si ottengono dall’Ortice, varietà dominante il paesaggio agrario pontelandolfese. Ad esaltare questi extravergini il pane cotto nel forno a legna ed i fagioli locali, mentre gli abbinamenti con vini Falanghina ed Aglianico rosato sono stati sapientemente illustrati dai rappresentanti sanniti dell’Associazione Italiana Sommelier, Maria Grazia De Luca e Michele Giordano. Ed è stata proprio la collaborazione di AIS e Slow Food a garantire la giusta partenza della manifestazione, che vuole essere non solo una vetrina di queste eccellenze, ma un costante momento di confronto, utile per un continuo miglioramento delle produzioni locali.

Altro momento centrale di questa due giorni è stato l’importante convegno sul tema ‘Extravergine e non solo – I segreti di un prodotto di qualità tra salute, territorio e gastronomia’. L’incontro è stato chiuso dalla presentazione di un importante lavoro condotto presso l’Università degli Studi di Salerno. Ad illustrare i dati della ricerca è stato il professore Giorgio Donsì, titolare della cattedra di Impianti chimici presso l’ateneo salernitano. Donsì, prendendo spunto dai concetti illustrati dagli altri partecipanti al convegno, ha voluto focalizzare l’attenzione soprattutto sull’importanza del lavoro di laboratorio, rimarcando che un buon prodotto non mostra paura per le analisi che, certificando la bontà dello stesso, rappresentano un elemento utile per guadagnare consumatori. Prima del professore Donsì, è intervenuto il nutrizionista Antonio Vacca che, partendo dalle intemperie alimentari che allontano dal modello alimentare mediterraneo, caratterizzato da vegetalità , sobrietà e convivialità , ha parlato della necessità di costruire una “identità”, con i cibi non più visti come semplici pezzi di gastronomia, bensì come pass-partout di un territorio. Ad aprire l’incontro è stato il saluto del coordinatore del Gal Titerno Nicola Ciarleglio, il quale ha parlato delle eccellenze olearie che caratterizzano il territorio titernino, segnalando la fascia che da Faicchio giunge proprio a Pontelandolfo, passando per San Lorenzello e Cerreto Sannita e per San Lupo, San Lorenzo Maggiore e Casalduni. A concludere il convegno, il saluto del sindaco Cosimo Testa, che dopo aver ringraziato i partecipanti per il contributo portato all’evento, ha parlato degli sforzi degli agricoltori locali e del supporto che la squadra amministrativa darà al percorso di promozione.

Oltre ai momenti tecnici, la manifestazione ha proposto nel corso delle due serate una ricca offerta gastronomica con protagonisti gli oli extravergine di oliva delle aziende già citate e delle realtà produttive di Carmela Lombardi e Teresa Tammaro. Insieme agli oli i formaggi locali, con la ricca produzione del caseificio Sannio Lat. In particolare va segnalata la dimostrazione consumatasi nella serata di sabato, con Franco Rinaldi e la moglie Serianna Mancini, impegnati a mostrare il percorso produttivo di formaggio e ricotta. Ad esaltare gli oli ed i formaggi sono state le verdure e gli ortaggi dell’azienda agricola Elda Guerrera.

‘Storie di Uliveti & Pascoli’ è stata la prima tappa della ricca ‘Settimana Folkloristica‘, che quest’anno raggiunge la quarantanovesima edizione. La rassegna è stata organizzata dalla Pro Loco di Pontelandolfo, con il supporto organizzativo dell’AIS e della condotta Slow Food Fortore-Tammaro e con il contributo dell’Amministrazione Comunale, del Gal Titerno e della Camera di Commercio di Benevento.

La manifestazione – dichiara il presidente della Pro Loco, Nicola Diglio – ha centrato i risultati, facendo intuire la necessità di allestire nel corso degli anni un valido appuntamento capace di attrarre tanti viaggiatori del territorio a Pontelandolfo e creando, attraverso momenti tecnici, un valido supporto tecnico al processo di crescita delle aziende locali”.

“Siamo molto soddisfatti – sottolinea il coordinatore dell’evento, Antonio Lese – di questo primo passo, che ha suscitato molta attenzione ed ha soprattutto favorito un momento di aggregazione fra i diversi produttori. Siamo infatti consapevoli che solo facendo sistema si raggiungeranno importanti risultati promozionali, capaci di dare impulso anche a nuovi sbocchi commerciali, cosa quanto mai importante in un momento caratterizzato da diversi punti critici. Sono questi gli obiettivi che ‘Storie di Uliveti e Pascoli’ si propone. E siamo convinti che con il contributo di tutti il percorso si concretizzerà”.

Fonte: Pasquale Carlo

LA GRANDE FINALE PUBBLICA
DI VINIBUONI D’ITALIA
Benevento, 28 – 30 luglio

Monday, July 19th, 2010

image003

Ispirata alla tradizione enologica italiana e volta a valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità, la guida Vinibuoni d’Italia pubblicata da Touring Editore giunge alla sua ottava edizione, dando un segnale preciso ai consumatori e al mercato (italiano ed estero), che apprezza sempre di più i livelli qualitativi ed il rapporto qualità prezzo che i vini da vitigni autoctoni esprimono.

Alla base del successo della guida l’accurata selezione dei vini, ma soprattutto l’aver focalizzato le degustazioni esclusivamente sui vini da vitigni autoctoni della Penisola, ovvero su quei vini che rappresentano il vero made in Italy del patrimonio enologico nazionale e che hanno un più forte legame con il territorio di origine.

La guida è unica, nel panorama italiano, per molti aspetti: è la sola dedicata agli autoctoni, cioè a vini prodotti al 100% da vitigni con una storia di oltre 300 anni, e si basa su un processo di selezione eccezionale per impegno e per trasparenza, visto che l’attribuzione dei massimi riconoscimenti, la Corona e la Golden Star, da anni sono effettuate pubblicamente.

Infatti per la selezione finale che porterà all’assegnazione di questi prestigiosi riconoscimenti verranno organizzati  straordinari momenti di partecipazione dei produttori vinicoli, dei media e degli amanti del vino.

Gli eventi avranno il loro momento clou  a Benevento con una manifestazione nazionale.

Fatto unico nel mondo delle guide è che la grande kermesse finale sarà pubblica e chiunque potrà seguire il corretto svolgimento del lavoro della giuria composta dai due curatori, Mario Busso e Luigi Cremona, e dai 25 coordinatori regionali di territorio.

Considerato che in totale – a livello nazionale – concorreranno circa 500 vini consacrati al top dell’eccellenza italiana, essendo frutto delle selezioni operate su circa 20 mila vini degustati, la finale è uno straordinario evento di portata nazionale.

Il grande botto sarà dunque a Benevento, da mercoledì 28 luglio a venerdì 30 luglio, presso il Grand Hotel Villa Traiano per selezionare le aziende che otterranno la Corona e la Golden Star.

Gli attori pubblici che rendono possibile questa straordinaria manifestazione sono la Camera di Commercio di Benevento e la Provincia di Benevento, la Regione Campania con il Patrocinio del Comune di Sant’Agata dei Goti ma soprattutto di Guardia Sanframondi, caratteristica cittadina antica con vista imprendibile su un mare di vigneti, dove si terrà l’evento conclusivo in cui saranno presenti le massime autorità delle Istituzioni patrocinanti.

La scelta di Benevento per la grande finale non è casuale. La Provincia di Benevento  costituisce da sola circa il 40 % del totale della produzione regionale certificata.

Circa 12.000 gli ettari vitati, quasi 8000 aziende viticole, più di 60 aziende imbottigliatrici per oltre 1.000.000 ettolitri di vino prodotti ogni anno, 6 denominazioni di origine e 2 indicazioni geografiche per più di 60 tipologie di vini…

Sono questi i numeri che contraddistinguono il Beneventano e che gli assegnano la leadership nel comparto vitivinicolo della Campania.

Una tradizione vitivinicola antica e radicata, poichè oltre all’Ager Falernum, era proprio questa la zona prediletta dai Romani quando desideravano bere e commerciare del buon vino.

Inoltre, sulle strade del vino, insieme alle eccellenze enoiche si trovano anche le sorprese di una gastronomia dettata dalla ricchezza delle risorse dell’area.

Nel corso della stessa settimana dell’evento, i migliori ristoranti del beneventano proporranno un “Menu Vinibuoni d’Italia” ovvero ideeranno una serie di piatti a forte contenuto di ingredienti eccellenti prodotti in zona, abbinati alle etichette di vino autoctone e offerti ad un prezzo particolare. Tutti i giornalisti, sia i curatori della guida, sia ospiti, avranno l’opportunità di degustare ogni sera queste proposte in alcuni dei ristoranti del circuito.

A Guardia Sanframondi la giornata di venerdì 30 luglio sarà una giornata da ricordare: tutti i giornalisti visiteranno i vigneti e la cantina della Guardiense, con i suoi oltre mille soci, la più grande cantina sociale della Campania e una delle più grandi d’Italia mentre nel tardo pomeriggio sia la stampa sia gli appassionati potranno spostarsi sulla spettacolare Terrazza del Castello di Guardia, dove verranno allestiti numerosi banchi degustazione sia con le migliori aziende dell’enoagroalimentare – vini e prodotti tipici del paniere della provincia di Benevento – sia con le etichette di tutta Italia valutate finaliste in guida.

Un’occasione unica per tutti gli appassionati e operatori interessati per poter assaggiare e conoscere i migliori vini autoctoni d’Italia, posti in degustazione libera.

Evento nell’evento – verrà organizzato uno showcooking a cura dei migliori chef del territorio selezionati da Luigi Cremona, curatore da molti anni oltre che della guida Vinibuoni anche della Guida Alberghi e Ristoranti di Touring Editore.

IL 17 E 18 LUGLIO SANT’AGATA DE’ GOTI (BENEVENTO) OSPITA LA NONA EDIZIONE DELLA RASSEGNA ‘FALANGHINA FELIX’

Thursday, July 15th, 2010

shapeimage_2E’ tutto pronto per la nona edizione di ‘Falanghina Felix, rassegna regionale dei vini da uve falanghina, che si svolgerà a Sant’Agata dei Goti, in provincia di Benevento, sabato 17 e domenica 18 luglio.

Il tema caratterizzante l’edizione 2010 sarà “Il giallo della Campania”. Protagoniste dell’evento le etichette falanghina delle cinquanta aziende provenienti da quattro province campane che hanno aderito all’iniziativa.
Il taglio del nastro della manifestazione è programmato per le ore 17.00 di sabato. All’incontro inaugurale, che si svolgerà nella sala consiliare del Comune di Sant’Agata dei Goti, seguirà l’apertura dello spazio protagonista dell’evento, l’Enoteca della Falanghina, allestita nel chiostro di palazzo San Francesco. Nelle due giornate della manifestazione le degustazioni si protrarranno dalle ore 17.00 alle ore 23.00. Contemporaneamente sarà aperta la sala degustazione professionale, allestita al piano superiore dello stesso edificio, dove sarà consentito, ai professionisti del settore (enotecari, ristoratori, sommelier ecc.) ed ai giornalisti, degustare i vini dei produttori presenti alla manifestazione, previo accredito e prenotazione (al momento della prenotazione sarà necessario specificare il giorno e l’ora della partecipazione alla degustazione).

Tra le novità dell’edizione 2010 di  ‘Falanghina Felix spiccano due incontri-degustazione con le comunità del cibo della Campania, che si svolgeranno negli spazi della sala degustazione professionale. Sabato 17, alle ore 19.30, sarà protagonista il carciofo bianco di Pertosa, le cui caratteristiche saranno illustrate da Giovanni Pucciarelli, mentre si occuperanno dell’abbinamento con i vini Franco De Luca e Nicoletta Gargiulo, neopresidente regionale dell’Associazione Italiana Sommelier.

L’incontro di domenica, in programma sempre alle 19.30, sarà dedicato alle alici di menaica ed ai contadini del mare, con la partecipazione di Gianni Aiuolo e Mariagrazia de Luca. Per quel che concerne questo incontro va detto che è previsto anche un appuntamento mattutino, alle ore 11.00, sempre nella sala degustazione professionale.

Di particolare interesse la degustazione ‘Gli estremi della falanghina: bollicine versus passiti‘, in programma nel pomeriggio di domenica, alle ore 17.00. Sarà il giornalista enogastronomico e scrittore Luciano Pignataro a guidare l’incontro, che intende mettere in luce la grande versatilità di questo vitigno autoctono.
Altra novità di questa edizione è rappresentata dal ‘Mercato della falanghina’, iniziativa con protagonisti i produttori e che animerà domenica mattina il chiostro di palazzo san Francesco (dalle ore 10.00 alle 13.00) e nel pomeriggio il cortile dell’ex Cinema Italia (dalle ore 17.00 alle ore 23.00).
Spazio anche agli appuntamenti collaterali: nella serata di domenica al chiostro di palazzo San Francesco si consumerà lo spettacolo ‘Suoni a colori e Profumi di lettere’ con protagoniste note musicali e letture d’autore. Nella due giorni dell’evento anche il ‘Falanghina Felix Tour’, con visite guidate al borgo antico di Sant’Agata de’Goti.

Per gli incontri e le degustazioni nella sala professionale, le prenotazioni vanno effettuate all’indirizzo e-mail felix@falanghinafelix.it. Per prenotare invece il ‘Falanghina Felix Tour’ si può contattare la Pro Loco di Sant’Agata dei Goti (tel. e fax 0823.953623 – mobile 338.9238541). Per ulteriori informazioni si può invece consultare il sito internet ufficiale dell’evento, all’indirizzo www.falanghinafelix.it.

Clicca qui per vedere il programma completo dell’edizione 2010.

L’evento è stato organizzato dalla Camera di Commercio di Benevento, tramite la propria Azienda Speciale Valisannio, con la compartecipazione dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura e alle Attività Produttive, della Provincia di Benevento e del Comune di Sant’Agata dei Goti e con il supporto tecnico della Pro Loco del comune sannita.